Valle d’Aosta: al Forte di Bard si torna all’inizio dell’800

napoleonica
@ Ufficio stampa Forte di Bard

Se dopo più di duecento anni Napoleone Bonaparte passasse nuovamente dal Forte e dal borgo di Bard, alle porte della Valle d’Aosta? È quello che accadrà sabato 31 agosto e domenica 1 settembre, quando andrà in scena la prima edizione di “Napoleonica”, un grande evento promosso dall’Associazione Forte di Bard con il sostegno dell’Assessorato regionale all’Istruzione e Cultura. Per due giorni interi, la nota fortezza di sbarramento di primo Ottocento e il vicino borgo riproporranno, infatti, il celebre passaggio di Napoleone Bonaparte e delle sue truppe avvenuto nel maggio del 1800, durante quella che è passata alla storia come la Seconda Campagna d’Italia. Era, infatti, appena iniziato il diciannovesimo secolo quando L’Armée de Réserve francese invase la Valle d’Aosta e pose sotto assedio il Forte di Bard, che dopo due settimane di appassionata resistenza non potè fare a meno di capitolare.

Ed è così che dopo duecentotredici anni, quell’episodio storico torna a vivere grazie all’allestimento di ambienti d’epoca, scene di battaglia, parate militari che per due giorni interi vedranno impegnati 300 figuranti provenienti da diverse regioni italiane e da numerosi paesi europei, dalla Repubblica Ceca alla Francia, passando per il Belgio e la Svizzera. Uomini e donne vestiti con abiti dell’epoca, cannoni e cavalli daranno l’illusione, quindi, di essere tornati all’inizio del XIX secolo.

«Napoleonica ha l’obiettivo di diventare un punto di riferimento nell’ambito delle manifestazioni di ricostruzione storica a livello internazionale – spiega il presidente della Regione Valle d’Aosta e dell’Associazione Forte di Bard, Augusto Rollandin – L’auspicio è che l’evento diventi un’ulteriore occasione per attrarre turisti al Forte di Bard e nei comuni vicini, con le più ampie ricadute sotto il profilo economico per le attività commerciali e ricettive. Napoleonica ha tutte le carte in regola per diventare un appuntamento di successo, anche grazie alla suggestiva cornice che andrà ad accoglierlo, quella del Borgo e del Forte di Bard».

Forte di Bard @ Ufficio stampa Forte
Forte di Bard @ Ufficio stampa Forte

«La figura di condottiero di Napoleone Bonaparte – aggiunge l’assessore regionale all’Istruzione e Cultura, Joël Farcoz – è tra le icone più conosciute al mondo e l’evento di Bard consente di cogliere tutte le potenzialità legate alla fama di questo personaggio Proprio il suo passaggio in Valle d’Aosta al Gran San Bernardo è tra le rappresentazioni iconografiche più note del condottiero francese. Napoleonica offrirà al pubblico l’opportunità di conoscere da vicino i risvolti di quell’episodio storico e scoprire le testimonianze e le vicende che segnarono la Valle d’Aosta nel corso della discesa di Napoleone Bonaparte e dell’Armée de Réserve grazie ad un’attenta e fedele ricostruzione da parte di gruppi specializzati e selezionati per il loro rigore storico».

Entrando nel dettaglio, stando a quanto anticipano gli organizzatori il Borgo e il Forte di Bard ospiteranno rispettivamente l’accampamento francese e austro-piemontese, mentre nella Piazza di Gola del Forte sarà allestito un mercatino a tema storico con oggettistica napoleonica (stampe d’epoca e cimeli originali, sartorie storiche, artigiani,…). Tra le rievocazioni in programma, si segnala la simulazione dell’attacco al Forte che prenderà vita nel Borgo sabato 31 agosto. Sempre sabato, ma alla sera, la grande Piazza d’Armi della fortezza accoglierà il Gran Bal des citoyens, durante il quale gli spettatori potranno assistere e partecipare a balli tradizionali, accompagnati dall’esibizione di suonatori di strumenti e musiche della tradizione franco-provenzale. Domenica sarà invece la volta della battaglia finale, con il raggruppamento delle truppe nella fortezza e il noto epilogo, la resa delle truppe austro-piemontesi all’attacco francese.

@ Ufficio stampa Forte di Bard
@ Ufficio stampa Forte di Bard

Di seguito il programma completo della manifestazione:

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

– Sabato 31 agosto

ore 10.30

Accampamenti Borgo e Scuderie del Forte

Apertura al pubblico degli accampamenti e delle animazioni permanenti, apertura delle taverne e della mostra di costumi d’epoca.

Letture di testi storici e musiche itineranti

Piazza di Gola – Forte

Mercatino a tema storico con oggettistica napoleonica (stampe d’epoca e cimeli originali, sartorie storiche, soldatinai, artigiani)

ore 11.00

Borgo e Bastioni del Forte

Parata militare. Alza bandiera da parte dei Piemontesi e salve di artiglieria francese e austriaca

ore 11.30

Casa Challant. Coscrizione, arruolamento dei soldati

Ore 14.30

Scuderie del Forte. Dimostrazione medicina militare

Ore 15.30

Primo attacco al Forte

ore 17.00

Casa della Meridiana. Déjeuner sur l’herbe

ore 20.00

Piazza di Gola, Forte. Gran Bal des Citoyens

Balli tradizionali con il coinvolgimento degli spettatori, accompagnati dall’esibizione di suonatori di strumenti e musiche della tradizione franco-provenzali

ore 21.00

Dal Borgo verso il Forte

Tentativo di passaggio nel borgo e attacco notturno al Forte

Accampamenti. Vita di campo e canti attorno ai fuochi

ore 24.00

Coprifuoco

– Domenica 1 settembre

ore 10.30 Borgo e Scuderie del Forte

Apertura al pubblico degli accampamenti e delle animazioni permanenti, apertura delle taverne e della mostra di costumi d’epoca.

Piazza di Gola del Forte

Mercatino a tema storico con oggettistica napoleonica

Scuderie del Forte

Messa al campo austro-piemontese

Ore 11.00 Borgo. Piazza Cavour

Duello civile

ore 11.30 Piazza d’Armi

Gare per fucilieri

Ore 11.30 Borgo. Piazza Cavour

Dimostrazione medicina militare

ore 15.30

Piazza d’Armi. Attacco finale al Forte. Al termine raggruppamento delle truppe in fortezza, firma della resa delle truppe austro-piemontesi, ammainabandiera e alzabandiera francese

ore 17.00

Piazza d’Armi. Parata finale

Per ulteriori informazioni: www.fortedibard.it.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Valentina Sala

Valentina Sala
Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI