Una voce in Campania, il talento al servizio della musica

vic 3Tredici anni lunghi un sogno: quello della musica. Questo è il fulcro attorno al quale ruota “Una Voce in Campania” il Festival itinerante ideato dal maestro Rino Quattromani e finalizzato alla valorizzazione del talento dei giovani aspiranti cantanti campani in tutto il territorio nazionale. La finale della XIII edizione della kermesse canora, legata a doppio filo al prestigioso Festival di Castrocaro, si è svolta ieri sera presso la villa Comunale di Arzano (Na) ed è stata condotta dal frizzante speaker, attore e conduttore di  Radio Marte, Francesco Mastandrea.

Ad alternarsi sul palco tanti giovani aspiranti promesse della scena musicale italiana che si sono cimentati nell’interpretazione sia di brani editi che inediti. Particolarmente coinvolgenti le esibizioni del duetto Erminia e Antonio, che con “Beauty and the beast” ha vinto la sezione editi del Festival, Anita Landolfo con “Stand up for love” e Valentina Carinelli , vincitrice del premio “Lina Russo Quattromani” con il brano “Heart”. A conquistare la giuria, composta da Domenico Brasiello, Enzo Flagiello, Massimo Purzio e Franco Finizio, la grinta e la personalità di Chiara Iovine che, con il brano “Il mistero più grande” si è aggiudicata la vittoria della sezione editi del Festival. Come lei, sul palco del Festival altri giovani innamorati della musica a partire da Sara Manzoeto con il brano “Fermati” e il cantautore Vincenzo Marullo autore di “Ricordati di te”.

The Konzelman brothers
The Konzelman brothers

A divertire il pubblico il celtic folk dei The Konzelman Brothers, una band di 5 fratelli, con tanto di genitori al seguito, che ha proposto un coinvolgente medley strumentale. Sul palco anche la giovane vincitrice della prima edizione di Una Voce in Campania Kids Giusy Piscopo  che ha interpretato le sognanti note di “Ci vorrebbe il mare”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Valentina Carinelli, Chiara Iovine, Rino Quattromani

Una serata all’insegna della passione, la stessa che da tantissimi anni accompagna la vita professionale di Rino Quattromani, organizzatore del Festival: «Per me la musica è la quintessenza dell’anima, le note scandiscono ogni ora della mia giornata e credo che eventi come questo, i quali richiedono la stessa attenzione e dedizione dei grandi Festival, meritino un riscontro sempre maggiore sia da parte del pubblico che dagli addetti ai lavori. La musica, continua il maestro Quattromani, è linfa vitale; per me che insegno musica anche a scuola, oltre a portare avanti i progetti di solidarietà dell’associazione “Lina Russo Quattromani”, è bellissimo trasmettere questa passione ai ragazzi, mi mantiene giovane e mi diverte. A tutti coloro che volessero avvicinarsi al mondo delle note, conclude il vulcanico artista, dico solo che non bisogna assolutamente smettere di credere nei propri sogni e di lottare per trasformarli in realtà»

 Raffaella Sbrescia

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia
Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI