UNA SETTIMANA IN MUSICA

© Sborisov – Fotolia.com

Una settimana di grandi appuntamenti alla Fondazione Musica per Roma che nei giorni immediatamente successivi al Capodanno propone un ricco calendario di spettacoli. Tra le proposte più interessanti segnaliamo lo spettacolo di Mimmo Cuticchio, Guerrin Meschino, che andrà in scena il 4, 5 e 6 gennaio 2013. Il testo è del 1300, scritto da Andrea da Barberino, e narra le vicende del giovane Guerrino venduto come schiavo, ancora in fasce, a Costantinopoli che crescerà nobile d’animo e affronterà mille peripezie per riannodare i fili del suo destino. Le serate speciali erano messe in scena già nella seconda metà dell’Ottocento, fino agli anni sessanta per attrarre nuovo pubblico. Erano storie di malagiustizia, d’amore, di briganti, di santi… 371 erano le serate della Storia dei Paladini di Francia che fino agli anni Sessanta gli opranti mettevano in scena durante la realizzazione del ciclo a puntate che si snodava sera dopo sera dinanzi a spettatori fedelissimi i quali, non solo sapevano ogni passaggio della vicenda, ma si dimostravano giudici implacabili dell’esecuzione teatrale.  Nella rigorosa maestria e nel desiderio di sperimentare di Mimmo Cuticchio è possibile avvertire la profonda teatralità del teatro dei pupi, che trae il proprio significato da un rito arcaico, eppure ben radicato nell’immaginazione collettiva; è quel rito che allude alle origini della civiltà, basandosi sulla necessità del gioco nello sviluppo dell’individuo, come sull’incessante combinarsi di racconto e rappresentazione, di esaltazione e sacrificio, di fantasia e illusione.

Il 5 e il 6 gennaio 2013 in esclusiva per Natale all’Auditorium l’Orchestra Popolare Italiana propone la ChiaraStella, un progetto originale di Ambrogio Sparagna, giunto alla sua sesta edizione, dedicato ai canti natalizi della tradizione italiana eseguiti conservandone lo spirito originario con cui queste antiche preghiere popolari cantate furono composte. Dopo aver avvicinato migliaia di appassionati al grande repertorio dei canti natalizi italiani, a partire dalla tradizione settecentesca delle novene per zampogne, in questa sesta edizione Ambrogio Sparagna rivolge una particolare attenzione al pubblico dei sordi. Una comunità complessa e numerosa, a cui spesso informazione e cultura sono negati da barriere che sembrano insormontabili. Per coinvolgere alla bellezza del fare musica insieme anche questa parte di umanità lo spettacolo della ChiaraStella utilizzerà il canale visivo e gestuale della LIS (Lingua dei Segni Italiana) attraverso interpreti che tradurranno i contenuti dei canti popolari mediante una speciale interpretazione gestuale. Insieme ai centocinquanta musicisti cantanti e coristi sul palco “canteranno” con i loro segni tanti giovani dell’Istituto per sordi di Roma con il coordinamento di Laura Santarelli.  Nel segno che la Buona Novella non conosce confini, accomunando esperienze diverse nella stessa sorpresa stupita per la nascita di un Salvatore. Un grande spettacolo con tanti protagonisti fra cui spicca la voce intensa e appassionata di Peppe Servillo  e quella  narrante del poeta Davide Rondoni.

Domenica mattina, 6 gennaio 2013, sarà la volta delle Lezioni di musica, la rassegna che si sviluppa in una serie di incontri affidati a nomi prestigiosi, interpreti, musicologi e specialisti, che prendono in esame aspetti diversi e affascinanti dell’universo musicale, dal pianoforte alla sinfonia, dalla musica da camera vocale e strumentale all’opera, al balletto e al rock. Questa volta si parlerà dei Beatles con Ernesto Assante e Gino Castaldo.

Spazio anche all’arte con la rassegna La fotografia al femminile realizzata in collaborazione con Contrasto, che intende proporre quattro percorsi espositivi che, in modo diverso, affrontano il rapporto tra donna e fotografia. La prima mostra è dedicata agli Album Segreti di Charlotte Rampling.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI