Un domani tra di noi, recensione e trama
26 novembre 2017
Maria Ianniciello (1230 articles)
Share

Un domani tra di noi, recensione e trama

Un domani tra di noi, recensione – Ho visto tanti film di alta tensione con i personaggi che cadevano in dirupi a strapiombo, spesso innevati, o che stavano per annegare in mare aperto a causa di tempeste perfette o che stavano per essere spazzati via da uragani. Di conseguenza pensare che un’altra pellicola di questo tipo potesse in qualche modo prendere la mia attenzione era alquanto inverosimile, perché il genere è troppo inflazionato. La settima arte produce costantemente film, molti di questi sono ripetitivi e scadenti, ma non è il caso di Un domani tra di noi, complici gli attori e complice anche la fotografia eccellente, poi ci metti un cane, per l’esattezza un Labrador, come parte integrante del cast e il gioco è fatto. Non mancano gli stereotipi in questo film, diretto da Hany Abu-Assad e basato sul romanzo di Charles Martin; questo è certo!

Eppure Un domani tra di noi riesce ad abbattere gli schemi, proponendoci una coppia inedita: un medico di colore e una giornalista candida come il latte che, a causa di una bufera, noleggia un velivolo privato per poter arrivare in tempo sull’altare. Avete capito bene, Ashley sta per sposarsi ma è in ritardo (e già questo la dice lunga sulle intenzioni inconsce di lei), Ben al contrario deve eseguire un delicato intervento chirurgico. I due si incontrano all’aeroporto; l’attesa per il decollo si prospetta alquanto lunga ma il medico e la giornalista devono partire per forza di cose. Ashley propone a Ben di dividere l’aereo privato però, quando sono sulle cime innevate del Colorato, il pilota viene colpito da un ictus e il velivolo precipita. I due dovranno cavarsela tra il freddo glaciale e le provviste che stanno per terminare. Fra le righe si percepisce che nulla accade per caso; probabilmente si tratta di una mia percezione o forse no!?

Un domani tra di noi

In Un domani tra di noi la tensione si alterna al romanticismo ma tra Kate Winslet e Idris Elba, non c’è la stessa magica alchimia che si viene a creare per esempio tra Jennifer Lawrence e Chris Pratt in Passengers, anche loro nei panni di personaggi che affrontano una situazione ai limiti dell’inverosimile. Un domani tra di noi è un film che tiene tuttavia alta l’attenzione; basti pensare che ho cominciato a vederlo alle 23 senza risentirne. Un’altra nota stonata devo però rilevarla: dopo tre settimane di stenti e privazioni è impossibile avere una barba così simmetrica e curata come quella che ha sfoggiato Idris Elba. Più credibile è stata invece Kate Winslet. Consigliato? Nonostante le sbavature sì! Ecco il trailer.

Voto
3 out of 5

3

Average
3 out of 5
Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Presenta spettacoli vari (sfilate e concerti) e modera convegni. Su Cultura & Culture, oltre a occuparsi di libri, attualità e arte, è responsabile della sezione Cinema.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.