17 febbraio 2013
Redazione (4055 articles)
Share

TV, ALLE IENE LA TERAPIA CON CELLULE STAMINALI

Immagine da video

Immagine da video

Le Iene Show sempre in prima linea con le inchieste sui temi di attualità. Nella puntata di questa sera si parlerà di cellule staminali e massaggi cinesi. Giulio Golia racconta la storia del piccolo Gioele, un bambino di poco più di un anno che lotta ogni giorno contro la Sma1 (atrofia muscolare spinale), una grave malattia neurovegetativa che lo costringe a vivere bloccato nel letto di un ospedale e gli impedisce di piangere, ridere, muoversi e respirare da solo. La Iena incontra i genitori del bambino, i quali raccontano del loro lungo calvario perché il figlio potesse essere sottoposto alla terapia a base di cellule staminali. Si rivolgono in particolare agli Spedali Civili di Brescia, struttura sanitaria autorizzata all’infusione di staminali. Qui, però, lo scorso maggio i Nas hanno sequestrato i laboratori e imposto lo stop alle cure su provvedimento dell’Aifa (agenzia italiana del farmaco) per “inadeguatezza dei locali e nessuna certezza terapeutica”. Da quel momento in poi, alle cure hanno potuto accedere solo coloro che hanno fatto richiesta alla magistratura. Ma anche dopo l’ordinanza del Tribunale di Marsala, che obbligava l’ospedale civile di Brescia alla presa in carico di Gioele e di procedere alla somministrazione della cura nel quadro delle cure compassionevoli, la struttura ha continuato a non accogliere il bambino. Giulio Golia intervista, quindi, i vertici ospedalieri, ai quali spiega il quadro clinico del bambino e la necessità di un ricovero immediato. Poco dopo la visita della Iena, il padre viene contattato dall’ospedale e la settimana successiva il figlio viene ricoverato. I genitori, incontrati nuovamente dopo l’inizio della cura, sottolineano come Gioele abbia iniziato a respirare meglio, aumentare di peso, muovere leggermente le mani, i piedi e la testa.

Luigi Pelazza indaga su un fenomeno sempre più diffuso in Italia, ovvero la proliferazione di centri massaggi cinesi. Solo a Milano, da meno di 10 centri nel 2007 si è passati ad un totale di più di 200 nel 2013. La Iena racconta nei dettagli il giro d’affari che sta dietro a questo mondo, testimoniando anche come, nonostante il continuo via vai di clienti e l’elevato numero di massaggi effettuati, in molti di questi centri venga emessa, nell’arco di un’intera giornata, un’unica ricevuta fiscale.

Sabrina Nobile si occupa di un recente fatto di cronaca: pochi giorni fa la Corte Europea di Strasburgo ha respinto il ricorso dell’Italia, che chiedeva il riesame della sentenza emessa dalla stessa corte lo scorso 28 agosto sulla legge 40: tale sentenza aveva bocciato la suddetta legge, che prevedeva la possibilità di usufruire della fecondazione assistita solo per le coppie infertili. Con la sua decisione, la Corte ha di fatto aperto le porte della procreazione medicalmente assistita, nonché alle diagnosi preimpianto, anche alle coppie affette o portatrici sane di malattie genetiche. La Iena intervista una delle prime coppie che ha intrapreso questa battaglia.

Nadia Toffa documenta come una piccola discoteca nel milanese sia assiduamente frequentata da donne ultrasessantenni alla ricerca di avventure o relazioni amorose con giovani uomini di colore. I ragazzi, prevalentemente africani, in cambio delle loro prestazioni e della loro compagnia, chiedono inviti a cena o un “aiuto” per pagare l’affitto e le bollette. Il programma, condotto da Ilary Blasi con Teo Mammucari e la Gialappa’s, andrà in onda questa sera, domenica 17 febbraio 2013 in diretta alle ore 21.20.

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.