Tutto quello che vuoi: recensione
14 maggio 2017
Maria Ianniciello (1198 articles)
Share

Tutto quello che vuoi: recensione

Tutto quello che vuoi recensione – Nel nuovo film ancora una volta Francesco Bruni si occupa di adolescenza e dello scontro/incontro tra generazioni diverse e lontane. Lo fa con una certa concretezza, superando molti luoghi comuni. Lo sguardo del regista, tuttavia, è poco partecipativo. Come se Bruni volesse non tanto coinvolgerci quanto documentare, per descrivere una storia qualunque eppure così densa di significati nella sua semplicità.

Tutto quello che vuoi recensione

I vecchi e i giovani (tanto per citare il romanzo di Luigi Pirandello) di oggi sono agli antipodi, forse più di quanto lo erano i nostri genitori e i nostri nonni, perché le cose, rispetto a cinquant’anni sono molto cambiate. Per Alessandro, interpretato da Andrea Carpenzano, il poeta Giorgio (Giuliano Montaldo) diventa l’occasione per riscoprire alcune parti di sé e per riappacificarsi con esse. Anche i suoi amici capiscono che per vivere non bisogna per forza delinquere.

Tutto quello che vuoi è un film di formazione, che ci insegna molto sulla vita con uno stile semplice e non smielato. Bruni non vuole stupire. Vuole, piuttosto, farci comprendere che gli anziani sono un valore aggiunto e non un limite per una società che vive troppo nell’apparenza. Alessandro bada a Giorgio, un poeta finito nell’oblio, e si affeziona a quest’uomo che, pur soffrendo di Alzheimer, ha molto da raccontare. Cercando qualche difetto, lo troviamo senz’altro. Ci sono dei pezzi mancanti nella pellicola che però la nostra fantasia riesce a colmare.
Tutto quello che vuoi recensione

Il Cinema è spesso fatto d’incontri che sono come una sorta di momento iniziatico per i personaggi principali. Pensate per esempio a film come Scoprendo Forrester con Sean Connery nel ruolo di uno scrittore di successo e Rob Brown nei panni dell’apprendista Jamal dotato di un grande talento per la scrittura. O ancora… pensate a Il postino con Massimo Troisi che interpreta un uomo disoccupato, figlio di pescatori. Anche qui l’incontro con Pablo Neruda cambierà il suo approccio alle cose, insegnandogli molto. Insomma, Francesco Bruni non si sottrae a questo leitmotiv che è il valore aggiunto del suo nuovo film. Di seguito il trailer di Tutto quello che vuoi.

Voto
3.5 out of 5

3.5

Average
3.5 out of 5
Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Presenta spettacoli vari (sfilate e concerti) e modera convegni. Su Cultura & Culture, oltre a occuparsi di libri, attualità e arte, è responsabile della sezione Cinema.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.