“Ti ricordi di me?”, la trama e la recensione del film

ti-ricordi-di-me-Roberto e Bea sono i protagonisti di “Ti ricordi di me?”, avvincente e curiosa storia d’amore diretta dal regista Rolando Ravello. I due protagonisti, interpretati da Edoardo Leo e Ambra Angiolini, si incontrano a Roma, davanti al portone dello studio della terapista che li ha in cura. Lei, insegnante che annota tutto ciò che le accade su un enorme libro rosso, è narcolettica e perde spesso la memoria a causa degli shock subiti; lui, cleptomane, lavora al supermercato e si diletta a scrivere tragiche favole surreali per bambini. Roberto si innamora subito di Bea e comincia a corteggiarla assiduamente, fino a conquistarla. Le cose sembrano andare bene, i due innamorati fanno progetti per la vita. Bea lascia il compagno Amedeo (Ennio Fantastichini), ricco imprenditore, colpevole di averla tradita, e si lancia tra le braccia e le follie di Roberto. Tra piccoli furti e svenimenti, rincorse e amnesie, la storia d’amore procede tra alti e bassi: i colpi di scena nel film non mancano, così come le risate e le lacrime di commozione.

“Ti ricordi di me?” è una favola moderna, con tanto di principesse, principi, fate e mangiafuoco anche se un po’ atipici. Si tratta del secondo film diretto da Ravello (“Tutti contro tutti”, 2012), nel quale il regista ha voluto osare nella sperimentazione e nel gioco attoriale, spingendosi in luoghi immaginari, lavorando “di pancia”, lasciando scorrere emozioni in libertà.

Il film diverte con ironia e leggerezza. Un’ora e mezza in cui poter viaggiare attraverso i sentimenti e l’umanità dei suoi protagonisti, talvolta complici, altre volte nemici in guerra. I loro limiti, però, sono anche le chiavi per aprire la porta della loro unicità. Due extraterrestri che, insieme, mano nella mano, superando mille difficoltà, si scoprono speciali e uniti da un amore profondo, che si scopre e rinnova più volte nel corso della loro vita.

Angiolini e LeoIl cast presenta nomi di rilievo del cinema di casa nostra, a cominciare da Ambra Angiolini, una delle attrici più amate degli ultimi anni, soprattutto per aver recitato magistralmente in film come “Saturno contro” e nell’ultimo “Maldamore”, nelle sale in questi giorni.“Ti ricordi di me?” è anche uno spettacolo teatrale di successo, diretto da Sergio Zecca, portato in scena sempre dalla coppia Angiolini-Leo. Il film di Ravello, nelle sale dal 3 aprile, non è sicuramente all’altezza della pièce teatrale ma scorre piacevole e diverte dall’inizio alla fine, strappando anche qualche lacrima di commozione durante alcune scene.

Edoardo Leo, attore protagonista di molte pellicole (da “Tutta colpa di Freud” a “Smetto quando voglio”) e di innumerevoli produzioni televisive e fiction (“Romanzo Criminale” e “I Cesaroni”, per citarne alcune) è convincente nel ruolo di Roberto, dolce e fantasioso, un po’ perso tra fantasia e realtà. Nel film compare anche Paolo Calabresi, ispettore di polizia in crisi e incapace di assumersi le proprie responsabilità di marito e padre, sempre e comunque al fianco di Roberto nei momenti più difficili.

Il trailer: http://youtu.be/4vwsMSC9cPM

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

 

Silvia Marchetti

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Silvia Marchetti

Silvia Marchetti
Silvia Marchetti, nata a Mirandola (Modena) nel 1981, è giornalista pubblicista e web designer. Laureata in Scienze Politiche presso l’Università di Bologna, si occupa da anni di Cultura e Spettacoli, pubblicando articoli, recensioni e interviste relative al mondo del teatro, del cinema e, in particolare, della musica. Tra le sue passioni, la buona cucina, i concerti, la moda e Milano, città in cui ha deciso di vivere.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI