Rosaura, “la vedova scaltra”, rivive con Ester Cantoni

1796829_520321878086834_907956751_o

 

Rosaura, una donna dallo sguardo lungimirante, è la protagonista de “La vedova scaltra”, la commedia scritta da Carlo Goldoni nel 1748. La rappresentazione nel corso dei secoli è tornata in scena rivista e riadattata in base ai costumi e agli usi dei tempi. Dal 14 febbraio, fino al 9 marzo prossimo, a Roma, presso il Teatro di via Ostiense 190 (da martedì a sabato, alle 21, e la domenica alle 17) Rosaura rivive nell’allestimento di Ester Cantoni, nel ruolo anche della protagonista. Ed è proprio la regista/attrice che ci conduce dietro le quinte dello spettacolo della Compagnia dei Borghi, partendo da un parallelismo tra Rosaura de “La vedova scaltra” e Mirandolina de “La locandiera”: «Entrambe sono nelle condizioni di poter decidere del loro futuro affettivo e sociale, perché sono libere economicamente. Questi due personaggi, infatti, parlano al pubblico di oggi e pensano in chiave moderna. Goldoni dovrebbe essere rappresentato di più, poiché la sua drammaturgia non è solo bella, dal punto di vista stilistico, ma è soprattutto attenta all’aspetto psicologico dei personaggi, in particolare delle figure femminili», spiega la Cantoni a Cultura & Culture. Rosaura, dopo aver trascorso la propria vita chiusa tra le pareti domestiche, con la vedovanza si ritrova di colpo ragazza, ma non ha l’ingenuità di un’adolescente: «Questa donna mette alla prova la veridicità dell’affetto dei suoi spasimanti, per verificare la loro fedeltà e coerenza», precisa la regista che ha ambientato la commedia negli anni Venti del secolo scorso.

La vedova scaltra

 

LOCANDINA«Il personaggio di Rosaura è piuttosto complesso: lei, che è vedova, sola e non è più giovane, s’interroga sul suo ruolo di moglie e donna, così la sera di Carnevale si traveste per provare la fedeltà dei suoi pretendenti». Il Teatro nel Teatro, dunque. Rosaura fa un’analisi molto lucida dei suoi spasimanti e studia una strategia di approccio per avere delle certezze. «Proprio per questo, interpretarla è stato piuttosto faticoso», sostiene la regista. Questa commedia dunque è parte integrante della tradizione teatrale italiana, perché, oltre a raccontare la società settecentesca, è ancora attuale per gli argomenti trattati. Chi non ha mai provato l’incertezza di Rosaura? Tutte ci siamo sentite vulnerabili, almeno una volta nella vita, e quindi abbiamo cercato una via per difenderci. La Cultura autentica, dunque, grazie a questo spettacolo si manifesta nel Teatro. Ma che cos’è la Cultura per Ester Cantoni? «La Cultura è un vestito che indossiamo per entrare in contatto con gli altri – dice -. Quest’abito ci consente di essere nel mondo e con il mondo, attraverso le varie espressioni artistiche. Essa ci eleva e ci mette in relazione con una società che migliora. E il Teatro, che è parte integrante della Cultura, è spettacolo dal vivo, il quale arricchisce sia il pubblico sia gli attori». Interpreti e platea si armonizzano così tra loro mediante rappresentazioni come “La vedova scaltra”.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Info aggiuntive: Dal 25 aprile al 2 maggio “La vedova scaltra” sarà allestita a Parma. Le musiche e le luci della commedia sono di Bruno Ilariuzzi, mentre l’impianto scenico e i costumi sono curati da Clara Surro. La comunicazione è affidata a Patrizia Grossi. Attori: Ester Cantoni, Giuseppe Renzo, Pierre Bresolin, Andrea Zanacchi, Riccardo Balestra e Francesco Siggillino.

Per lo spettacolo di Roma contattare: 06 59606102.

Maria Ianniciello

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI