“Ricomincio da me”. Jennifer Lopez al Cinema: trama e recensione

Certe sere o certi pomeriggi, magari in una domenica di inizio febbraio, hai la necessità di trascorrere del tempo nel totale relax e nella spensieratezza andando al Cinema. Quindi può capitare che, tra le varie opzioni cinematografiche, tu scelga una commedia americana, di quelle che il Cinema d’oltreoceano produce tre-quattro volte all’anno o poco più. Se poi nel cast c’è Jennifer Lopez allora ti rechi al box office con la consapevolezza che il costo del biglietto vale, perché l’attrice di origini portoricane resta comunque una garanzia, nonostante qualche flop. E, difatti, Ricomincio da me non ha deluso del tutto le attese, almeno non le mie. Forse perché ero conscia del fatto che fosse una commedia leggera e sono entrata in sala senza grosse aspettative.

Ricomincio da me è film sentimentale- romantico che unisce più tematiche passando da uno stile narrativo all’altro e creando così un calderone che ad un certo punto del film potrebbe spiazzare lo spettatore confondendolo.

Il troppo, si sa, storpia e in Ricominco da me i temi affrontati sono innumerevoli. Vengono temuti insieme da un filo conduttore che è la vita di Maya (Jennifer Lopez), un’addetta alle vendite con molta arte e poca parte, che nel negozio in cui lavora non ottiene la promozione ambita perché scavalcata da un collega laureato ma meno esperto. Il figlio di una sua amica le inventa così un curriculum ad hoc, con tanto di fanpage e sito personale, che le fa ottenere un incarico in una prestigiosa azienda di cosmetici.

E qui si apre l’interrogativo intorno al quale ruota o dovrebbe ruotare tutta la commedia: vale più l’esperienza o il titolo di studio? Non si fa in tempo a rispondere che il regista Peter Segal vira su un altro argomento, molto in voga negli ultimi anni per la verità, che riguarda un’ipotetica incompatibilità tra carriera femminile e famiglia. Lo fa attraverso la relazione (solo abbozzata), tra la protagonista e il suo compagno (Milo Ventimiglia). Ma ad un certo punto del film una sorta di colpo di scena, stucchevole anche se non molto prevedibile, mi spiazza senza creare alcuna empatia tra me e ciò che accade sullo schermo. Il risultato è che lo spettatore potrebbe non sentirsi partecipe né coinvolto anche se sorride per qualche battuta.

Ricomincio da me cinema Jennifer Lopez trama recensione

Ricomincio da me, però, nonostante i difetti nella sceneggiatura, ha il merito di farci riflettere su quanto sia importante essere pienamente se stessi per poter realizzare ciò che si desidera. Le menzogne sono oggi una costante. Sui social ci inventiamo infatti un’identità che spesso non ci corrisponde solo per il gusto di apparire e di sembrare più cool, più esperti, più fashion, più intelligenti, più socialmente accettabili.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

La macchina da presa segue la trasformazione di Maya fugacemente attraverso outfit raffinati e studiati a tavolino che ci rendono l’idea di quanto l’immagine sia importante ma solo se rispetta davvero il nostro essere… la nostra natura.

 Ricomincio da me non è però una commedia che brilla di luce propria né di inventiva. Niente a che vedere con film quali Il diavolo veste Prada, il quale trattava la tematica dell’incompatibilità tra un certo tipo carriera e amore con brio e leggerezza senza forzature addentrandosi in un contesto patinato e di carta pesta come quello della Moda. Il film non risultava così stucchevole perché gli stili narrativi si mescolavano con una disinvoltura che rendeva la commedia briosa, intelligente e raffinata. A dimostrazione che questo genere, se ben fatto, oltre a divertire può anche creare empatia dandoci nuovi spunti di riflessione. (recensione di Maria Ianniciello)

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI