A spasso nel tempo con l’Ottobrata romana

ottobrata-romanaL’Ottobrata Romana rinnova l’atteso incontro col pubblico con una quarta edizione tutta da vivere.Al centro dell’attenzione la tradizione folkloristica romana ed il canto popolare, la più genuina manifestazione della cultura di un popolo che ha lasciato un segno indelebile nel corso della storia. Domenica 13 ottobre, a partire dalle ore 11, chiunque potrà fare un salto nel tempo all’insegna della spensieratezza. Ad aprire le danze “Il ballo della cocozza” con le Musiche dell’Italia centrale (ingresso libero) presso i giardini pensili. Alle ore 12 ancora musica con “La zucca che suona”: una serie di dimostrazioni con strumenti musicali tradizionali. Pranzo a base di piatti tipici locali con ricette incentrate sulla zucca, grande protagonista della giornata, che saranno accompagnati  dalla migliore selezione di vini del territorio laziale. Canti e  danze popolari culmineranno alle ore 18 presso la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica. L’ Orchestra Popolare Italiana,  Ambrogio Sparagna e Massimo Popolizio terranno lo spettacolo intitolato  “Gioachino Belli a 150 anni dalla morte” dedicato al 150° anniversario della morte del grande poeta romano.  Durante la serata saranno  recitati 30 tra i più celebri sonetti del Belli e saranno eseguiti alcuni dei  canti popolari raccolti da Giggi Zanazzo. L’arrangiamento strumentale sarà a cura dell’ Orchestra popolare italiana che, per l’occasione utilizzerà strumenti tipici della campagna romana come zampogne, ciaramelle, flauti di canna e di corteccia e tamburelli. A completare il variegato programma saranno gli strambotti: brevi componimenti di 8 versi di contenuto in prevalenza amoroso tratti, anch’essi, dalle raccolte ottocentesche di canti popolari romani.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia
Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI