L’anteprima del Napoli Film Festival omaggia la Magnani

volantino fronteÈ stata inaugurata ieri sera la nuova attesa XV  edizione del Napoli Film Festival all’Istituto Francese di Napoli di via Crispi con una maratona dedicata all’indimenticabile figura di Anna Magnani: verace, intrepida, autentica, Anna è stata e, continua ad essere, uno degli emblemi del cinema nazionale ed internazionale e, importanti riconoscimenti come l’Oscar, la Coppa Volpi ed il Nastro D’Argento, hanno contribuito ad evidenziare la sua fama mondiale.

A 40 anni dalla sua prematura scomparsa, il Napoli Film Festival, in programma dal 30 settembre al 6 ottobre, ha voluto omaggiarla con la proiezione di alcuni dei suoi lavori cinematografici più rappresentativi come “L’onorevole Angelina” che nel 1947 valse all’attrice la Coppa Volpi alla Mostra di Venezia e il Nastro d’Argento, “Bellissima” di Luchino Visconti che vide la Magnani nuovamente insignita del  Nastro d’Argento nel 1952 e “La rosa tatuata” il film di Daniel Mann che le valse la vittoria dell’Oscar  nel 1955.

Valerio Caprara e Mario Violini
Valerio Caprara e Mario Violini

Ad introdurre la serata un sentito intervento di Valerio Caprara, noto critico cinematografico, presidente della Film Commission Regione Campania e docente universitario: «Sarete voi stessi a confermare le qualità di una personalità conosciuta e  citata in tutte le situazioni in cui si celebra il grande cinema. Anna Magnani ha cominciato il proprio percorso professionale ben prima del neorealismo cinematografico per cui in quel periodo lei era già una professionista. Formatasi proprio nel bel mezzo di quella temperie in cui si muovevano i primi passi verso il professionismo di settore, la Magnani riuscì ad incarnare la veristica figura della popolana romana. Anima oscura, selvaggia, quasi ostile, s’inserì con forza, slancio e professionalità nel clima del nuovo cinema del dopoguerra. Sono dunque qui per confermare la grandezza dello spirito di Anna Magnani, il suo essere spiritosa e disillusa al contempo, la completa naturalezza del suo eloquio, il suo recitare corpo a corpo con la macchina da presa. Cercate, quindi, anche voi, nelle vostre emozioni, la conferma di quanto vi dico»,  conclude Caprara.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia
Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI