Mostra del Cinema di Venezia, il Leone d’Oro a Sacro Gra

© la Biennale di Venezia – Foto ASAC
Nella foto Gianfranco Rosi © la Biennale di Venezia – Foto ASAC

E’ calato il sipario sulla 70. Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia. Quest’anno il Leone d’Oro per il Miglior Film è stato assegnato a una pellicola italiana, anzi a un documentario: Sacro Gra di Gianfranco Rosi che, dalle mani del Presidente della Biennale, Paola Baratta, ha ricevuto il prestigioso premio. Il regista, visibilmente emozionato, ha ringraziato la sua famiglia, la produzione, il cast e la Giuria di Venezia 70, presieduta da Bernardo Bertolucci, che è stato accolto in sala con un lungo applauso. Il Maestro ha anche annunciato i film vincitori degli altri premi di Venezia 70 che sono stati così assegnati:

  • Il Gran Premio della giuria a Jiao You di Tsay Ming Liang;
  • Il Leone d’Argento per la migliore regia a Miss Violence di Alexandros Avranas;
  • La Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile a Themis Panau  per Miss Violence
  • La Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile a Elena Cotta per via Castellana Bandiera
  • Il Premio Marcello Mastroianni, che va a un giovane attore/attrice emergente, è stato assegnato a Tye Sheridan per il film Joe
  • Il Premio per la miglior Sceneggiatura a Steve Coogan e Jeff Pope per Philomena
  • Il Premio speciale giuria a Die Frudes Polizsten di Philip Gröning

Il Premio Leone del Futuro Venezia Opera Prima è andato a White Shadow di Noaz Deshe, il quale è stato premiato da Carlo Verdone. Il vincitore ha ricevuto un assegno di 100mila dollari da dividere con il produttore.

Per la sezione Orizzonti, i premi sono stati suddivisi in questo modo:

  • Il Premio Orizzonti per il migliori film a Eastern Boys di Robin Campillo
  • Il Premio Orizzonti per la miglior regia a Umberto Pasolini per Still life
  • Il Premio speciale della giuria Orizzonti a Ruin di Michael Cody e Amiel Courtin-Wilson
  • Il Premio Speciale Orizzonti per il contenuto innovativo a Mahi Va Gorbeh di Shahram Mokri
  • Il Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio a Kush di Shubhashish Bhutian

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI