MI CHIAMO ARAM E SONO ITALIANO

© vlorzor – Fotolia.com

Mi chiamo Aram e sono italiano – Storie da Synagosyty è il titolo del nuovo spettacolo che andrà in scena al Teatro Libero di Milano a partire da domani sera, 28 gennaio 2013, fino al 3 febbraio alle ore 21. Lo spettacolo è stato scritto da Aram Kian e Gabriele Vacis, rispettivamente protagonista e regista della pièce.

Un testo che racconta la convivenza tra identità culturali che spesso si contrappongono. Una storia di nuovi italiani, i figli degli immigrati, la cosiddetta “generazione Balotelli”. Un’analisi della storia contemporanea che abbandona i confini del nostro Paese per spingersi agli estremi confini del mondo, in un tempo in cui le barriere politiche e religiose cadono, senza riuscire ad annullare il pregiudizio.

Divertente e assolutamente autentico, Aram è uno Zanni padano-orientale che racconta le sue sventure con irresistibile comicità, sempre con lucida ironia, qualche volta con legittima rabbia. La sua particolare condizione di uomo senza identità è un problema di bruciante attualità. Un problema che riguarda tutti, che Gabriele Vacis propone attraverso una scrittura deliberatamente “leggera”.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI