MARIE CURIE, LA VITA DELLA SCIENZIATA A TEATRO

QLB Marie Curie bnLa vita di Marie Curie è al centro di uno spettacolo che si svolgerà al Teatro delle Moline, a Bologna, dal 7 al 10 marzo 2013. Protagoniste di “Quella Luce Blu” sono le attrici Marina Pitta e Briana Zaki dirette da Irene Ros. Lo spettacolo vede in scena una Marie Curie spettrale che dialoga con una radio e con la figlia Irène, in un anacronismo che fa spiccare l’attualità degli argomenti: Marie Curie si chiede se l’umanità sia pronta a conoscere i segreti della natura o se questi le saranno nocivi e parla così dell’uranio e di Hiroshima e della responsabilità dello scienziato nei confronti dell’umanità intera.

Perno dello spettacolo è l’aspetto umano della scienziata, il suo sforzo di abbattere i pregiudizi sull’attività di una donna in un ambiente maschile. Marie diventa un personaggio pirandelliano, che si rivolge agli spettatori e all’autrice con la stessa amarezza dei Sei Personaggi: “E si vorrebbe che adesso, qui, in questo luogo, io, e tu, e altri, rivivessimo in breve tempo le nostre esperienze di anni, profonde, entusiasmanti, faticose. Ah! la fatica! Questo solletica molto la curiosità della gente!”. Marie Curie si ribella a chi investiga con voyeurismo la sua vita: “Compito della scienza è indagare le cose, non le persone”, ma lascia fluire i ricordi della sua ricerca come fosse il racconto d’una storia d’amore.

Lo spettacolo “Quella Luce Blu, la vita di Marie Curie”, nasce nel 2005 su commissione del Comitato Pari Opportunità dell’Università di Padova – come “Il Fuoco del Radio. Dialoghi con Madame Curie”, titolo del testo di S. Cerrato e L. Crismani da cui è tratto. È uno dei primi spettacoli per adulti di Ursa Maior Teatro ed è forse il più rappresentativo dell’estetica della giovane compagnia di Bologna perché è uno spettacolo che si è evoluto, che è cresciuto e cambiato, su cui non ci si è mai stancati di sperimentare.

“Quella Luce Blu” infatti è la prima tappa di un progetto sulle biografie al femminile che si è sviluppato con “Il Sogno di Rosa”, spettacolo dedicato a Rosa Luxemburg, patrocinato dalla Rosa Luxemburg Foundation di Berlino, che ha debuttato presso il Centro delle Donne di Bologna nell’estate 2011 ed ha avuto ottima accoglienza e recensioni presso la stagione del Teato Due di Roma lo scorso gennaio.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI