16 gennaio 2013
Redazione (4050 articles)
Share

LUCA WARD E LA SUA “MY FAIR LADY”

Vittoria Belvedere e Luca Ward (nella foto) insieme ad Aldo Ralli ed Enrico Baroni diretti dal grande regista Massimo Romeo Piparo presentano uno dei classici più amati nella storia dei musical: “My Fair Lady”. La prima si terrà venerdì 18 gennaio alle 21 presso il teatro Augusteo di Napoli.

Un musical che nonostante sia entrato nel repertorio dei grandi “classici”, può tranquillamente essere definito “giovane”.

La sua fortuna? Essere una storia basata sulla forza delle emozioni e dei sentimenti. E’ immortale per ciò che racconta, per come traduce ciò che racconta. È incredibile quanti sorrisi questo musical faccia scaturire e soprattutto è innegabile l’universalità del suo linguaggio musicale.

La “fair lady” Eliza Doolittle è un po’ Cenerentola, un po’ Pretty Woman, Mary Poppins, un po’ Bella e un po’ Bestia. Insomma: è l’archetipo del riscatto, della rivincita, dell’affermazione e della trasformazione. Incarna nella sua figura il desiderio e il sogno di tutto l’universo femminile che simpaticamente partecipa sin dal primo momento alla sua avventura. Il pubblico e i protagonisti capiscono alla fine di tutto che soli non si è completi. E tutti i protagonisti, anche il misogino il Prof. Higgins insieme con  Colonnello Pickering e con il cinico e spietato padre di Eliza, Alfred Doolittle, si trovano costretti a svestire la maschera della durezza e coprirsi con un velo di dolcezza.

In un momento storico in cui sembra che il corto circuito dei rapporti umani abbia interrotto il passaggio di energia tra le persone, “My Fair Lady” si impone come un “generatore di corrente elettrica” che concede una bella “scossa” alla nostra anima. Questo travolgente spettacolo si impone come il sogno che non vuole svanire, come la “favola possibile” e rappresenta il lieto perdersi in una tempesta di sentimenti.

Uno spettacolo da non perdere, un’occasione unica per lasciarsi travolgere da una meravigliosa tempesta di sentimenti.

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.