Laeffe, Gad Lerner torna alle origini con “Fischia il vento”

lernerDopo più di un anno di assenza dalla televisione, Gad Lerner torna sul piccolo schermo. Abbandonato lo studio da talk-show, il giornalista si mette oggi alla prova con linguaggi nuovi: niente più salotto in cui invitare ospiti e sviscerare da lì le tematiche di attualità, bensì un viaggio attraverso la Penisola, per raccontare le persone, la loro vita e capire l’Italia da un punto di vista diverso. Parte questo mercoledì 26 febbraio la nuova avventura dal titolo “Fischia il vento”, una trasmissione di dieci puntate pensata da laeffe in collaborazione con Repubblica, prodotta da Pulsemedia e trasmessa proprio dall’ormai consolidata tv di Feltrinelli (canale 50 del digitale terrestre) .

Un programma itinerante, quindi, che intende proporci un Lerner delle origini: a metà tra inchiesta e reportage, il noto giornalista torna infatti tra la gente e veste nuovamente i panni del reporter in prima linea sulle strade, tra gli eventi. «“Fischia il vento” è per me un ritorno all’inchiesta, al mestiere di inviato – spiega, infatti, durante la conferenza stampa di presentazione – Quando ho iniziato a fare tv pensavo fosse una breve parentesi, invece la televisione si è tramutata per molto tempo nel centro della mia attività. Dopo venti anni di carriera sul piccolo schermo, oggi mi metto alla prova con uno stile nuovo e mi trovo a viaggiare insieme ad abili film maker, cimentandomi in cose che non ho mai fatto prima. Il reportage che stiamo realizzando – continua – è un racconto per immagini della durata di 45 minuti, un linguaggio per me nuovo e ben diverso da un articolo di giornale o da un talk».

laeffeProtagonisti della trasmissione, come dicevamo, il territorio, la rabbia e le speranze delle persone: «per dieci puntate – riprende Lerner – incontreremo pendolari, lavoratori, gente comune e racconteremo situazioni, problematiche sociali e politiche viste dal “basso”». Una cosa, però, è certa: data l’impronta culturale di laeffe, «il lavoro – puntualizza il giornalista – non sarà solo quello di dare voce a umori e malumori, bensì di approfondirli e studiarli, incontrando sulla nostra strada anche personalità di spicco, uomini di pensiero che andremo a trovare là dove vivono, in mezzo – conclude – alla loro esperienza».

Fischia il vento andrà in onda su laeffe tutti i mercoledì alle 21.30 e sarà disponibile anche online su Repubblica.Tv e Repubblica.it. La puntata di mercoledì 26 febbraio si occuperà del passaggio storico dall’Italia di Berlusconi a quella di Renzi.

Di seguito il promo della trasmissione:

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Valentina Sala

Valentina Sala
Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI