La Rai compie 60 anni: il bilancio di un compleanno amaro

logo-rai-originale1Sessant’anni fa, il 3 gennaio 1954,  l’Italia conosceva la televisione attraverso un unico canale, quello della Rai – Radio Televisione Italiana. Fulvia Colombo, la prima signorina buonasera, prendeva per mano lo spettatore e lo introduceva, dunque, nel magico mondo del tubo catodico dove ogni sogno poteva diventare reale. “Mamma Rai” è stata per tanti anni il punto di riferimento del popolo italiano, l’istituzione mediatica per eccellenza, garanzia di qualità, informazione, cultura… in una parola: aggiornamento. Professionalità, impegno e un grande dispiego di energie, risorse e mezzi hanno reso l’azienda una presenza costante e stabile nelle case degli italiani: storia e tradizione sono, da sempre, i grandi fiori all’occhiello di una politica aziendale concepita tenendo chiara la mission di fornire un servizio pubblico all’utente. Oggi, a sessant’anni da quel 3 gennaio, ci si chiede, però, quali siano le prospettive di una rete vittima dell’inarrestabile boom mediatico che vive il mondo, all’alba del 2014. Urge una riscrittura, un processo di cambiamento necessario per tornare a fare in modo che la Rai torni ad essere il baluardo dell’aggiornamento. Per rilanciare la Rai servono sicuramente tanti soldi ma serve anche il coraggio e la voglia di rischiare, di voltare pagina una volta per tutte, di staccarsi dalle catene e dai dettami della politica, di lasciare che i vecchi punti di riferimento vengano salutati con doveroso rispetto e gratitudine, ovviamente. La Rai ha bisogno che il nuovo possa finalmente avanzare per tornare ad interessare il pubblico, a coinvolgerlo, ad emozionarlo, ad istruirlo. Il futuro è una sfida ma quello che oggi fa paura, domani potrà essere storia.

Raffaella Sbrescia

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia
Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI