10 giugno 2012
Maria Ianniciello (1293 articles)
Share

LA MIA VITA E` UNO ZOO

Un film per le famiglie, che però –  dato il periodo dell’anno in cui è stato portato sul grande schermo in Italia – non potrà certo essere campione di incassi, nonostante non si tratti della solita commedia americana, strappalacrime! No, “La mia vita è uno zoo” con Matt Damon e Scarlett Johansson, diretto da Cameron Crowe, è molto di più perché di fronte alle sfide della vita (la morte della moglie) un padre (interpretato da Damon) non si lascia abbattere e fa vivere proprio come in un’avventura alla figlia di 7 anni e al primogenito adolescente, in balia dei propri ormoni e delle proprie esigenze, tipiche di quell’età, un’esperienza fuori dal normale raggiungendo anche un traguardo importante, a dimostrazione che l’impegno, quando c’è, premia sempre. Un esempio, dunque, per tutti coloro che non credono nelle varie possibilità dell’esistenza e chiusi nella loro unica forma mentis si lasciano vivere. Il film termina con un’immagine a effetto che lascia capire quanto il lutto sia stato metabolizzato sia dal padre, sia dai figli. Insomma una pellicola da vedere nonostante il caldo rovente che ci porta a scegliere altri divertimenti!

Curiosità

Il film è tratto da una storia vera, dalla vicenda del giornalista Benjamin Mee e della sua famiglia. Benjamin lascia il Guardian per acquistare lo zoo mentre sua moglie sta morendo per un cancro al cervello; da questa esperienza scrive il libro “Abbiamo comprato uno zoo”, tradotto in 21 Paesi, da cui è stato tratto il film con Matt Damon.

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.