La Bella e la Bestia: recensione e trama della pellicola

Riproniamo la recensione e la trama del film uscito a febbraio 2014 al Cinema. La pellicola andrà in onda martedì 20 novembre 2018 su Canale 5 alle 21.21.

la bella e la bestie

Le origini delle favole e delle fiabe si perdono nella notte dei tempi, quando le storie erano tramandate oralmente di generazione in generazione, confondendosi spesso tra loro. Animali alati, boschi misteriosi, foreste oscure, principi e principesse, matrigne cattive e streghe… avevano un significato metaforico: spesso alcune di queste storie simboleggiavano l’iniziazione della fanciulla, che da bambina si trasformava in una donna proprio attraverso il ciclo mestruale; il menarca (cioè la prima mestruazione) era indice di fertilità. La bambina diventava veramente adulta quando si allontanava dalla casa paterna per incontrare l’uomo che le avrebbe fatto conoscere l’Amore autentico. Come accade a Psiche che, attraverso Amore, si ricongiunge con il divino che è dentro di lei. Le fiabe della Letteratura Europea, nonostante s’ispirino spesso alla mitologia greco-romana, si sono trasformate nel corso dei secoli, adattandosi ai tempi. La loro funzione dunque cambia in base all’epoca; e quindi capita che una storia appassionante, come quella de “La Bella e la Bestia”, ritorni sul grande schermo, dopo ventitré anni dal cartone animato della Disney, con un altro intento: quello di stupire lo spettatore con gli effetti speciali. La-bella-e-la-bestia-g3

Nel film, diretto da Christophe Gans, l’amore tra una creatura bellissima e la Bestia passa così in secondo piano rispetto alle scenografie che conducono lo spettatore in posti eterei, quasi senza tempo. Luoghi meravigliosi. La pellicola, uscita nelle sale cinematografiche italiane il 27 febbraio, si rifà alla versione di Madame di Villeneuve, colmando alcuni vuoti de “La Bella e la Bestia” di Cocteau, film del 1946. Belle (Léa Seydoux) è la figlia più giovane di un mercante, caduto in rovina, che nel tentativo di riscattare la propria nave carica di merci si ritrova a girovagare per la foresta coperta di neve. L’uomo approda così in un castello abbandonato, dove trova delizie per il suo stomaco affamato e un sarcofago carico di gioielli, ma è sulla via del ritorno, proprio nel giardino dell’imponente maniero, che il mercante compie un gesto che gli cambierà la vita: ruberà una rosa rossa per Belle. Ed è a questo punto che compare la Bestia (Vincent Cassel), la quale lo condannerà a morte, ma non prima di aver consegnato nelle mani della sua giovane figlia il bellissimo fiore. Belle decide, però, di prendere il posto dell’anziano padre e si consegna nelle mani della Bestia.

Nel castello la vita della giovane trascorre tra il bisogno di scoprire i segreti di quel luogo incantato e le serate passate a tavola con il “mostro”, ma ogni notte in sogno un pezzettino del passato di quella creatura così brutale le viene svelato, facendole capire che non tutto ciò che i nostri sensi percepiscono è realtà. La Bestia incontra la fanciulla pura e ritrova la propria anima umana, che vagava errante annebbiata dall’odio, mentre Belle diventa donna. Un momento catartico, dunque sia per l’uomo, sia per la donna, ma che in questo film perde di valore, forse perché si è voluto dare più spazio alla forma in un’epoca in cui l’essenza delle cose conta meno della spettacolarizzazione… m.i.

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=wi8SITcbBuE

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI