7 febbraio 2013
Redazione (4056 articles)
Share

IN “QUARTIERI SPAGNOLI” I MILLE VOLTI DI NAPOLI

©Davide Visca – Il cast di Quartieri Spagnoli

«Mi sono ispirato alla Lisistrata di Aristofane, ma se nella commedia greca le donne praticavano un ironico sciopero del sesso, originalissimo ma fine a se stesso, qui invece le donne napoletane della camorra si negano ai loro uomini, violenti e sanguinari, per evitare di dare vita a una nuova generazione destinata alla violenza e alla morte». Così Gianfranco Gallo, principale attore e interprete del musical “Quartieri spagnoli” in scena al Trianon di Napoli da questa sera, 7 febbraio, al 17 febbraio 2013.

«In questo spettacolo che dedico a Gianluca Cimminiello, vittima della camorra, ho messo in scena Napoli per quella che è – continua Gallo –: un amalgama di Bene e Male, di commedia e di tragedia, di sceneggiata e del più raffinato Kabarett, con un tema, quanto mai attuale, della violenza sulle donne, che nel mio spettacolo è quella che opprime le giovani dei Quartieri spagnoli, violenza nella quale i loro stessi uomini nascono, vivono e costruiscono le loro vite sbagliate». Una Napoli, dunque, crudele, contraddittoria e crudele.

«Nello scenario colorito e assurdo dei cantanti “da matrimonio” – prosegue Gallo – i toni esasperati e i riferimenti alla vita quotidiana nella nostra città, insieme al tema di fondo drammaticamente forte, danno luogo a un mix emozionante di farsa e tragedia, che, così come accade nella vita di tutti i giorni, farà passare gli spettatori dal riso alla commozione, dalla riflessione al divertimento».

I personaggi, dal protagonista Tonino ‘o tedesco al neomelodico Ciro California, o al ridicolo impresario Franchetiello Palermo, sono secondo l’autore «tutti delineati e autonomi da poter uscire dal testo all’improvviso per fuggire in un teatro di varietà o sulla pedana di una sala da assoli: nel loro piccolo sono un po’ come quelli dell’Opera dei Mendicanti di John Gay o come i “tipi” del teatro di Viviani per la loro libertà, con battute sincere, scoperte, senza fronzoli, quasi pensate e dette come le parole di un popolo basso che ho voluto rappresentare».

«Per quest’opera, che è anche una favola, ho volutamente mischiato le carte – conclude Gallo – arrivando a uno stile drammaturgico sostanziato da echi di spettacolo leggero sullo sfondo di un destino da tragedia, come da momenti di commedia musicale pop inseriti in una struttura che sfugge alle definizioni».

Con il noto attore, nei panni di Tonino ‘o tedesco, saranno in scena Raffaele Esposito (Franchetiello Palermo, ‘o managèr), Danila Stalteri (Lisetta), Laura Borrelli (donna Assunta), Andrea Sannino (Ciciniello), Anna Capasso (Shaquira), Alessia Cacace (Maruzzella), Michele Selillo (il cantante neomelodico Ciro California), Nello Nappi (Armando ‘o pesce), Andrea Alario (Giovanni Capone), Marco Maietta (Coro) e i ballerini Valentina Ungaro, che ha anche curato le coreografie, Rossella Lubrino, Rossana Nappo, Maria Grazia Coppola e Daniele Di Salvo.

Le scene sono di Luciano Quagliozzi, i costumi di Annalisa Ciaramella, il disegno delle luci di Gianluca Sacco, l’audio di Daniele Chessa. Assistente alla regia Marta Grazioli. Gli arrangiamenti musicali sono firmati da Carmine Liberati. Le canzoni originali sono dello stesso Gallo. Le rielaborazioni e le musiche di scena sono di Paco Ruggiero.

Tags Teatro
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.