I musicisti di strada invadono il centro di Ferrara

ars nova Napoli
Ars Nova, Napoli @ www.ferrarabuskers.com

Musicisti di strada provenienti da Paesi lontani come l’Argentina, Cuba e gli Stati Uniti si danno appuntamento con i loro “colleghi” europei, alcuni in arrivo dalla Germania, altri dalla Danimarca, qualcuno dal Portogallo. Musica dal mondo, che sino al primo di settembre diviene protagonista del Ferrara Buskers Festival, il grande festival internazionale dedicato proprio ai musicisti di strada. “Busker” sono, infatti, gli artisti girovaghi, che quotidianamente provano a regalare a chi li circonda un po’ di poesia e allegria.

Camp Neverland Danimarca
Camp Neverland, Danimarca @ www.ferrarabuskers.com

Dopo l’inaugurazione della manifestazione avvenuta quest’anno nella splendida cornice di Venezia, patria della Commedia dell’Arte e per questo fortemente legata al teatro di strada, e la tappa di venerdì scorso a Comacchio, la kermesse è di nuovo nella sua città di origine, Ferrara, dove proprio in questi giorni strade e piazze accolgono un mix di sonorità familiari ed esotiche, in un vortice di musica e di colori da non perdere. La manifestazione, nata nella bella città romagnola nel 1987 e per iniziativa di Stefano Bottoni, in questi ventisei anni di vita è diventata non solo un punto di riferimento per tutti gli amanti dell’arte e della musica di strada, tanto da aver dato il via a un effetto a catena che ha portato alla realizzazione di numerose iniziative simili sparse sull’intero territorio nazionale, ma anche una buona occasione per visitare quella che fu la dimora degli Estensi, passeggiare nei pressi delle mura, perdersi nel suo centro storico.

Melodyne Trio, Polonia
Melodyne Trio, Polonia @ www.ferrarabuskers.com

Un grande successo, quindi, che nelle passate edizioni ha raccolto nella città romagnola circa 800.000 spettatori provenienti da tutta Italia e dall’estero e che quest’anno intende riproporre una ricetta ormai vincente: un entusiasmante giro intorno al mondo, con strumenti tra i più originali e performance fantasiose nascoste dietro ogni angolo del centro storico di Ferrara.

Più di duecento gli artisti che partecipano a questa edizione del Buskers Festival e che porteranno in giro per le strade e le piazze sonorità diverse, dal rock dei tedeschi Stilbruch al folk dei danesi Camp Neverland, passando per i le contaminazioni gipsy e latine di Estas Tonne + Duo Ritmosfera, ensemble composto da musicisti di Israele, della Russia e dell’Ucraina.

Cornalusa, Portogallo @ www.ferrarabuskers.com
Cornalusa, Portogallo @ www.ferrarabuskers.com

«Tema forte del Ferrara Buskers Festival 2013 – spiega il direttore organizzativo della kermesse, Luigi Russo – è la speciale attenzione che viene riservata alla Danimarca. Quattro gruppi danesi invitati, una mostra presso la Biblioteca Ariostea e una speciale dedica ad Hans Christian Andersen, omaggio al suo spirito nomade, alla sua aspirazione a diventare ballerino, cantante e anche attore, a una persona che fino all’età di 61 anni non disponeva di una casa e di un letto proprio, viaggiando in continuazione (si contano almeno 29 viaggi all’estero) e vivendo spesso ospite di amici o in albergo».

Per ulteriori informazioni e per conoscere il programma dettagliato degli eventi è possibile consultare il sito della manifestazione: www.ferrarabuskers.com.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Valentina Sala

Valentina Sala
Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI