Diverso come me: recensione e trama del film che trovate su Netflix

Diverso come me, recensione – Una breve sequenza girata tra le mura domestiche, quindi in un ambiente interno e certamente non neutrale. La macchina da presa non indugia sui primi piani dei protagonisti perché il regista, Michael Carney, ha voluto mantenere le giuste distanze per non farci prendere una posizione precisa. Lo scontro, non molto acceso per la verità, è tra coniugi, un mercante d’arte Ron Hall (interpretato da Greg Kinnear) e sua moglie Debbie (Renée Zellweger). Ed è proprio Debbie, che con un sogno inquietante, è artefice del cambiamento del marito, tutto dedito alla carriera. Eppure non è questo il motivo del litigio perché al centro della diatriba c’è il tradimento di lui.

Diverso come me è un film che vi consiglio di vedere, per due motivi sostanziali: perché ci fa riflettere sul concetto di diversità e perché ci fa capire cosa voglia dire non avere un tetto sulla testa.

Debbie quindi concede al marito una seconda ed importante chance, portandolo tra i poveri e i diseredati in un centro di accoglienza per homeless. Ed è qui che i coniugi conoscono un uomo di colore, con una lunga storia di sofferenza e criminalità alle spalle che mi ricorda il criminale de Il Miglio Verde.

Diverso come me recensione

Il film ci invita dunque ad abbattere le barriere del pregiudizio e ad aprire i cuori perché dopotutto ciascuno di noi, pur avendo una casa, è un senza tetto siccome niente ci appartiene per davvero.

Diverso come me è un film con non molti difetti. Avrei preferito per la verità che si indugiasse un po’ di più sulla metamorfosi di Ron anziché su ogni aspetto della vicenda ma evidentemente – come suggeriscono il titolo e le immagini di coda – si è voluto sviluppare il tema della diversità in tutte le sue sfaccettature.

Diverso come me narra dunque una storia bella che commuove e fa riflettere. Ve lo consiglio. Lo trovate su Netflix.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Se ti è piaciuta la recensione segui Maria Ianniciello sul suo canale Youtube Marica Movie and Books e su Instagram @maricamovieandbooks.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI