Das Interview di Theo Van Gogh

 ©Adrian Ehrat
©Adrian Ehrat

Das Interview è l’adattamento teatrale dell’omonimo film di Theo Van Gogh del 2003. Van Gogh, regista e autore di numerosi lungometraggi è stato assassinato nel novembre 2004 da un fondamentalista islamico per aver diretto il cortometraggio Submission, intensa denuncia delle violenze subite da alcune donne musulmane, scritta da Ayaan Hirsi Ali, una donna olandese di origine somala. Peter, un importante giornalista politico e corrispondente di guerra è costretto a intervistare una giovane, procace e popolare star della fiction televisiva, la bionda e inconsistente Katia. L’incontro ha inizio in modo disastroso e degenera rapidamente. Tra il mondo apparentemente impegnato di Peter e quello formalmente superficiale di Katia le parole diventano subito armi di violenza e di seduzione. Non si distingue più la verità dalla menzogna, né il vero dal falso. Peter e un uomo diffidente, che rivendica la propria appartenenza al mondo delle cose reali, importanti e serie. Lei è effimera in tutte le sue manifestazioni. A Pierre che non dissimula il disprezzo per lei, Katia reagisce con argomentazioni pertinenti dimostrando, al di là dello stereotipo, temperamento, intelligenza e astuzia. E l’intervista diventa un vero corpo a corpo. Lo status di vittima e carnefice si trasmette dall’uno all’altra con un ritmo incalzante. La stanza diventa metafora di un ring, in cui i contendenti tra scontri e seduzione mettono in moto un perverso meccanismo psicologico in cui la parola gridata è un’arma che frastorna e si alimenta con la menzogna. Sono due mondi che si scontrano: l’impegno politico di Pierre, la vita in technicolor di lei. In questa pièce verità e finzione riemergono continuamente lasciando sempre un margine di dubbio.

2foto Adrian Ehrat
© Adrian Ehrat

Dove, quando, chi – Lo spettacolo andrà a Torino in scena alla Cavallerizza Reale, Maneggio (via Verdi 9) , sabato 6 aprile 2013, alle 20.45. La sceneggiatura è Theodor Holman; lo spettacolo è tradotto e adattato per il palcoscenico da Stephan Lack. La regia è di Martin Kušej e l’interpreazione è di Birgit Minichmayr e Sebastian Blomberg. Le scene sono di Jessica Rockstroh, i costumi di Werner Fritz, drammaturgia Rachel Booker. Lo spettacolo sarà replicato alla Cavallerizza Maneggio domenica 7 aprile 2013, alle 20.45.  In occasione del debutto dello spettacolo il Goethe-Institut Turin organizza, domenica 7 aprile 2013, alle 11, presso la sua sede di Piazza San Carlo 206, un incontro dal titolo “A COLAZIONE CON MARTIN KUŠEJ”. Una buona intervista è per natura uno scontro. Theo van Gogh” in cui il regista Martin Kušej discuterà insieme al critico Luigi Forte della messa in scena del suo spettacolo e del suo lavoro.

Martin Kušej ha lavorato al Burgtheater di Vienna, alla Staatsschauspiel di Monaco di Baviera, al Teatro Klagenfurt, alla Deutsches Schauspielhaus, nonché presso la Volksbuhne di Berlino. Dal 2011 è direttore del Bayerisches Staatsschauspiel di Monaco di Baviera.

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI