Brad Pitt e gli Zombie a “Note di Cinema”

©worldwarz.com
©worldwarz.com

«Avevo voglia di far divertire i miei bambini; con un personaggio di eroe che cerca di salvare il mondo. Gli zombie sono una metafora di alcune paure contemporanee, come l’incubo del contagio collettivo, e della disumanizzazione dei rapporti ma, al di là di questi temi, “World War Z” è prima di tutto un film d’azione, con cui vogliamo sorprendere e divertire il pubblico».

Così Brad Pitt a Note di Cinema, il settimanale a cura dell’inviata del Tg5, Anna Praderio, in onda su Iris, ogni lunedì alle 17.30. Nel servizio, che sarà trasmesso domani,  l’attore americano parla del suo ultimo film “World War Z”, di cui è protagonista e produttore. Nel film Pitt reinventa il cinema di zombie con il kolossal diretto da Marc Foster (regista di “Neverland” e “007 Quantum of Solace”), tratto da un romanzo di Max Brooks (figlio di Mel Brooks e Anne Bancroft).

«“World War Z” non è solo un ‘disaster movie’, un film apocalittico-catastrofico su un disastro globale che colpisce l’umanità – precisa l’attore -. Il nostro obiettivo era di creare qualcosa di originale, di non ancora visto sugli schermi. Volevamo unire spettacolo, interrogativi fantascientifici e dubbi del mondo della scienza, con la mitologia antica dei morti viventi».

Gli zombi del film di Brad Pitt sono velocissimi e ipercinetici: un cambiamento rispetto all’immagine tradizionale degli zombie del passato, raffigurati come creature lente, caracollanti e infinitamente rallentate nei gesti. Il regista americano George Andrew Romero ha firmato pietre miliari del genere, come “La notte dei morti viventi” uscito nel ‘68 e ispirato al racconto “Io sono leggenda”, di Richard Matheson. Ora “World War Z”, al di là della tradizione legata al genere horror e alla cultura pop (con il celeberrimo video di Michael Jackson diretto da John Landis, “Thriller”), propone la mitologia zombie a un pubblico enorme. Alla fine del servizio dello speciale di Mediaset, il pensiero di Brad Pitt va all’amico James Gandolfini: «La sua morte rappresenta una grande perdita per il cinema. Era un attore eccezionale: per me aveva il carisma e la forza di Marlon Brando. Le sue performance erano maestose e potenti. Nella vita era un uomo gentile e pieno di calore umano: James mi mancherà molto».

 

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI