A Torino in scena “Miseria e nobiltà”

miseria e
@Federico Riva. Un momento dello spettacolo

“Misera e Nobiltà” è una delle commedie più riuscite di Eduardo Scarpetta, padre di un altro Eduardo. Quel De Filippo che ha arricchito e reso celebre il Teatro napoletano nel mondo. Scritta nel 1887, la rappresentazione ha come protagonista Felice Sciosciammocca e il fotografo Pasquale, che vivono nella totale miseria e che si fingono aristocratici per aiutare il marchesino Eugenio a chiedere la mano di Gemma, figlia di un ex cuoco che si è però arricchito. Da qui una serie di divertenti fraintendimenti, una delle peculiarità del Teatro tradizionale partenopeo. “Miserie e nobiltà” è diventata un cult tanto che ogni anno essa viene allestita in tutta Italia.

Dal 27 dicembre scorso e fino al 5 gennaio la commedia di Scarpetta è messa in scena al Teatro Carignano  di Torino con la regia e l’adattamento di Geppy Gleijeses che al contempo interpreta Felice Sciosciammocca.

A vestire i panni di Pasquale è invece Lello Arena, mentre nel ruolo di Luisella c’è Marianella Bargilli. Nel cast altri nomi come Jacopo Costantini, Luciano D’Amico, Antonietta D’Angelo, Gigi De Luca, Gino De Luca, Leonardo Faiella, Vincenzo Leto, Liliana Massari, Gina Perna, Silvia Zora. “Miseria e Nobilità” è divisa in due atti.

«Il primo atto è esangue e affamato, popolato di morti viventi che si azzannano tra di loro e che hanno perso qualsiasi dignità. Si ride, ma si ride amaro», spiega il regista che aggiunge: «Nella seconda parte (la nobiltà) è tutto finto e luccicante, quinte di carta dipinta, fondalini d’antan, cuochi e salcicce ritratti ovunque, un padrone di casa “pezzente sagliuto” e tanti finti nobili travestitisi nella sartoria del San Carlo».

La commedia è prodotta dal Teatro Stabile di Calabria e dal Teatro Quirino-Vittorio Gassman. Le scene sono di Francesca Garofalo, le luci di Luigi Ascione, i costumi di Adele Bargilli e le musiche di Matteo D’Amico.

Orari e info

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

venerdì 27 e sabato 28 dicembre 2013, ore 20.45

Domenica 29 dicembre, ore 15.30

Lunedì 30 dicembre, ore 20.45. Martedì 31 dicembre, ore 20.30

Mercoledì 1 gennaio 2014, riposo

Giovedì 2 gennaio, ore 19.30

Venerdì 3 e sabato 4 gennaio, ore 20.45

Domenica 5 gennaio, ore 15.30

Per info: 011/5169555

 

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Carla Cesinali

Carla Cesinali
Carla Cesinali su Cultura & Culture si occupa di politica, di spettacoli, di arte.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI