A MATERA LA LETTERATURA È DONNA

Contatti, contratti editoriali, pubblicazioni di libri e di ebook, tra peperoni cruschi e pasta fatta in casa. E’ stata presentata questo pomeriggio, 26settembre 2012, in una conferenza stampa ospitata a Palazzo di Città, la nona edizione del WFF “Leggo di Gusto”, in programma a Matera dal 27 al 30 settembre 2012. Tra i presenti, i soci fondatori: Elizabeth Jennings; Maria Paola Romeo; Mariateresa Cascino e Giovanni Moliterni, insieme al Sindaco Salvatore Adduce, all’assessore alla Cultura Alberto Giordano e al Vice presidente della Fondazione Carical, Egidio Comodo. La nona edizione del WFF propone il consueto congresso internazionale per scrittori, con la Borsa del libro e le master class, e per gli incontri con il pubblico rende omaggio al gusto di leggere e al leggere di gusto, con incontri e presentazioni di libri dedicati al cibo, laboratori di cucina e aperitivi a Km 0 dove gustare i sapori della gastronomia locale.

Prima di essere un appuntamento per chi legge, il WFF è un appuntamento per chi scrive e chi pubblica e per aggiornarsi sulle nuove dinamiche in atto nel mercato editoriale e digitale. Secondo gli esperti del settore, l’industria dell’editoria vale più di 80 miliardi di dollari e si stima che il 50 per cento del mercato sarà digitale nel 2015.

«A proposito delle prospettive del mercato – dichiara Elizabeth Jennings, presidente del WFF – la rivoluzione digitale in atto è ancora più significativa per chi scrive. Il libro tradizionale, cartaceo, ha dei limiti ben precisi. Per motivi industriali di carta e di distribuzione, un libro consta in media di 220-500 pagine. Con il digitale, tale limiti non hanno senso, eliminando i costi di stampa e distribuzione, le royalties sono molto più alte per chi scrive e quindi conviene in primis a chi intende scrivere per professione capire come funziona il mercato editoriale con i nuovi paradigmi che si impongono sulla scena. Per questo, il WFF intende continuare a costruire ponti tra chi scrive e chi pubblica, facilitandone le relazioni professionali».

Sui cambiamenti in atto e sulle nuove frontiere offerte dall’editoria elettronica si è soffermata Maria Paola Romeo che ha confermato che «ad un anno dalla presentazione di Emma Books – la casa editrice digitale femminile -, avvenuta proprio lo scorso anno al WFF di Matera, l’industria editoriale sta cambiando. La lettura di ebook è cresciuta in un anno del 59,2 per cento e anche l’acquisto di ebook, dal 2010 al 2011, è cresciuto del 55,3 per cento».

Il programma di giovedì 27

Il Women’s Fiction Festival si aprirà domani alle 9.30 alle Monacelle. Dopo i saluti di benvenuto di Elizabeth Jennings seguirà il panel “Pubblicare è un clic: prospettive e tendenze” con gli editor e gli agenti. A seguire, Jesse Potash di Pubslush illustrerà il Crowdsourcing: le nuove opportunità offerte dalla rete. A metà mattinata la scrittrice Jane Corry parlerà della ricerca delle voce narrante. Seguirà l’approfondimento sull’uso di Twitter e dei social media condotto da Beth Barany esperta del settore. Dalle 15.30 – 17.30, sul terrazzo delle Monacelle, sarà ospitata “La Borsa del libro: appuntamenti a tu per tu con editor e agenti letterari” e, a disposizione degli ospiti, sarà allestito un Help Desk per le consulenze editoriali. La sessione pomeridiana si chiuderà con il Brainstorming creativo (in inglese) condotto da Jane Corry.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

A Palazzo Lanfranchi, dalle 18.00 in poi, all’inaugurazione del WFF, dopo il saluto delle autorità e di Elizabeth Jennings, presidente del WFF, l’argomento sotto i riflettori sarà: Gourmet letterari: Il potere evocativo del cibo nella letteratura. Variegato, complesso, utile e curioso: è il rapporto del libro con il cibo. Seguirà, presso la Corte San Pietro, la presentazione del libro di Giuseppina Torregrossa, “Panza e Prisenza”, Mondadori, intervistata dalla giornalista Carlotta Mismetti Capua.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI