A Bologna arriva la Nazionale

Buffon - ©Franco Buttaro
Buffon – ©Franco Buttaro

 

La Nazionale è sempre la Nazionale così succede che anche prima di di un’amichevole c’è chi non vuole perdere l’occasione di provare a vedere da vicino i giocatori azzurri. Poco prima delle 17,30 di ieri  la Stazione di Bologna pullulava di persone, tutti volevano provare a dare una pacca sulla spalla a Pirlo o a Buffon o magari chiedere un autografo da portare al figlio o alla migliore amica. La gara con San Marino è dedicata al tema del razzismo come ha spiegato il direttore generale della Figc, Antonello Valentini, in apertura di conferenza stampa. «I due capitani delle squadre leggeranno un comunicato contro il razzismo mentre per l’occasione inauguriamo anche un canale su youtube, ‘Figc Vivo Azzurro Channel’ con uno spot girato nei giorni scorsi a Coverciano». Ma ahimè non si può star tranquilli neanche alla vigilia dell’amichevole con San Marino perchè in conferenza stampa a tenere banco c’è la vicenda legata a Mario Balotelli. In proposito Cesare Prandelli incontrando i giornalisti prova subito a smorzare i toni. «Mi sembra che Mario abbia risposto e credo non ci sia nessun commento da fare. E’ un argomento che non mi interessa. Stiamo alle parole di Mario, entrare su questa tematica è molto delicato non si sa davvero come trattarla. Il nostro attaccante mediaticamente crea sempre molto interesse e lui risponde in maniera sincera. In questo momento non abbiamo alcun tipo di preoccupazione se non quella di stemperare i toni». Si parla anche della partita con San Marino utile soprattutto per «provare i giocatori nuovi e capire se possiamo considerarli per la prossima Confederations Cup». Sulla rassegna brasiliana ormai imminente preferisce glissare: «Fino al 7 giugno devo preparare la partita contro la Repubblica Ceca, in questo momento può essere solo un disturbo parlare di Confederations Cup». I tifosi bolognesi sono pronti a spellarsi le mani perchè «in avanti potrebbero giocare dal primo minuto i rossoblu Diamanti e Gilardino». Ma sull’argomento del giorno a fine allenamento arriva anche il Balotelli-pensiero: «Smentisco tutto. Io la droga la odio, non la sopporto. E’ una bugia incredibile. Certe persone non possono permettesi di mettere nei guai la gente. Di questa storia si stanno occupando gli avvocati e il Milan. Andare di nuovo dai pm? Ci sono stato una volta ed è sembrato piuttosto un po’ di spettacolo, tornarci sarebbe esagerato. La gente è stufa di sentir parlare sempre e solo di Mario e poi è cattiva e non ha niente da fare».

All’allenamento non assistono tantissime persone ma sicuramente quando l’arbitro Borg fischierà l’inizio della partita sarà un’altra cosa con lo stadio Renato Dall’Ara che si colorerà d’azzurro perchè polemiche a parte, il fascino della Nazionale è sempre unico.

Emilio Buttaro

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Emilio Buttaro

Emilio Buttaro
Classe 1967 ha iniziato a svolgere attività giornalistica all’età di sedici anni. Nell’85 ha vinto il concorso nazionale “Vota lo speaker” indetto dalla FIPAV (Federazione Italiana Pallavolo) e l’anno dopo è stato il più giovane cronista accreditato al Festival di Sanremo. Laureato in Scienze Politiche ha presentato diverse manifestazioni come il Premio Internazionale di poesia “Nosside”. Attualmente collabora con varie testate giornalistiche tutte di portata nazionale tra cui: Il Messaggero, Radio 24-Il Sole 24 Ore, La Stampa (redazione sportiva), Radio TV Capodistria, SBS emittente radiotelevisiva continentale australiana, Agenzia di Stampa Italpress, Cultura & Culture e Costantini Editore.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI