Ritrova il tuo benessere con la naturopatia: ecco cosa fa il naturopata

Spesso mi si chiede cosa fa il naturopata e che cos’è la naturopatia? Capita che a volte si confonda il naturopata con il medico, con l’erborista o con lo psicologo. Il naturopata non è niente di tutto questo, almeno in Italia, dove chi pratica la naturopatia è un operatore del benessere che agisce sul miglioramento dello stile di vita dei propri ‘clienti’ mediante una serie di tecniche e di strumenti olistici.

La naturopatia, così come la si intende oggi, pur affondando le sue radici nel pensiero antico, è nata in seno al Naturismo, una corrente di pensiero che si diffuse in Europa nel secondo dopoguerra come reazione all’avvento della cultura nordamericana che impose il suo modello consumistico nel vecchio continente e poi in tutto il mondo.

Il Naturismo prevedeva un ritorno ad uno stile di vita più in linea con le leggi della natura e traeva insegnamento dalle antiche culture dei popoli, secondo le quali l’uomo non è separato dalla natura perché compartecipa al grande mistero della vita.

“La Natura è il medico, non tu. Da lei devi prendere ordini, non da te. Cerca di imparare dove sono i suoi farmaci, dove le sue virtù e in quali scrigni sono riposte” Paracelso

Il naturopata sa che la natura non può essere assoggettata e che va al contrario rispettata. L’osservazione dell’individuo è quindi essenziale e la valutazione viene effettuata guardando sia i fattori endogeni (età e costituzione fisica) che esogeni (stagioni e momento della giornata).

naturopatia che cosa fa il naturopata
© Marzia Giacobbe – Fotolia.com

Io pratico una naturopatia ad indirizzo psicosomatico che si prefigge l’obiettivo di aiutare le persone a ritrovare il legame con il proprio lato profondo (o con la propria natura), senza il quale non esiste alcun benessere.

La parola chiave della naturopatia – che nella mia logica non si sostituisce alla medicina allopatica ma si affianca – è PREVENZIONE. Nello specifico si stimola il processo di guarigione, ricercando l’origine psicosomatica dei disturbi senza alcun effetto collaterale. Si tratta di un vero e proprio percorso verso il benessere olistico cioè del corpo e della mente che nella mia visione non sono separati.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Il naturopata dell’Istituto Riza di Medicina Psicosomatica nello specifico usa diverse tecniche e si avvale del sapere di varie discipline quali l’Erboristeria, la Floriterapia, l’Aromaterapia, la Nutrizione olistica (per ritrovare il giusto rapporto con il cibo), il Massaggio, la Reflessologia plantare, l’Ayurveda, la Medicina Cinese, la Cromoterapia e la Distensione Immaginativa. Il fulcro della naturopatia è l’olismo.

Non c’è niente da correggere, niente da migliorare. Colui che vuole migliorarti o correggerti non è un bravo naturopata. 

Raffaele Morelli – presidente dell’Istituto Riza e della Scuola di Naturopatia – scrive in un suo editoriale: “L’olismo non è la mente e il corpo insieme ma qualcosa di più profondo che vive al di sotto del nostro Io (…) Significa che ci sono essenze che aprono stati mentali che a loro volta agiscono su muscoli e organi interni. (…) olismo significa che ciascuno ha un proprio fiore, un suo alimento, una sua postura, un suo stile… perdere il proprio carattere, le proprie caratteristiche significa stare male”. E poi aggiunge: “E` diverso il nostro organismo a Natale rispetto a Ferragosto, diverse le piante e le erbe da usare. Ciascuno è unico e bisogna ricordarlo sempre”.

Il lavoro del naturopata in sintesi consiste nell’aiutare le persone a ritrovare la propria natura e l’armonia tra le parti. Non esiste una ricetta valida per tutti. Sempre Raffaele Morelli sostiene che non si può essere dei bravi naturopati se non si posseggono tre qualità: il silenzio, il non distrarsi e il perdersi nella presenza interiore…

(articolo della dott.ssa Maria Ianniciello, naturopata ad indirizzo psicosomatico e giornalista pubblicista. Per info sulla dott.ssa: www.mariaianniciello.it. Puoi seguirla su Facebook, su YouTube e su Instagram)

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI