Torino, ecco la App gratuita del Salone del Libro

app saloneConsultare il programma (e non solo) del Salone del Libro di Torino su  smartphone e tablet oggi è possibile grazie ad un’applicazione realizzata dal Salone Internazionale del Libro in collaborazione con Vodafone Italia e sviluppata da Sinbit, una start-up del Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino. Ma vediamo come funziona.

L’applicazione è stata realizzata sia per Apple sia per Android; è possibile scaricarla gratuitamente su Apple Store qui e su Google Play qui. Una volta scaricata e aperta trovate nell’app tre sezioni: Prepara, Al Salone, Ricorda.

Cliccando sulla sezione Prepara, è possibile organizzare la visita con info sul biglietto che può essere acquistato online. Si può visionare il programma, a sua volta diviso in sottosezioni che vanno da  tutti gli eventi in calendario ai laboratori, passando dai grandi ospiti con biografie, per arrivare alla Casa CookBook e agli incontri della Rai. E’ possibile visionare l’elenco degli espositori e la mappa del salone. Nella sezione Prepara ci sono altri servizi interessanti: la ricerca per Tag, la possibilità di compilare la VCard e di creare un’agenda virtuale sul proprio dispositivo degli appuntamenti che si voglio seguire. Ci sono inoltre l’area News, con tutte le nuove notizie dal Salone, e l’Info temi con altre sottosezioni. E’ anche possibile selezionare la lingua nelle impostazioni. Le opzioni sono l’inglese e l’italiano. Le altre sezioni non sono state ancora aperte. La categoria Al Salone sarà attiva nei giorni della manifestazione, cioè dal 16 al 20 maggio, mentre Ricorda verrà attivata dal 21 maggio. La app è anche social, perché ci consente di condividere le info su Facebook e Twitter. Ma non solo. Ci fornisce anche informazioni sugli orari, sulla logistica, su come arrivare, sul turismo, sui parcheggi, sui partner e molto altro ancora. L’applicazione dell’evento “libresco” italiano per antonomasia  è funzionale, colorata, dinamica e permette di essere aggiornati non solo su tutti gli eventi in calendario ma anche di organizzare passo passo la visita. E soprattutto è gratuita!

app 2A parlare di questa importante iniziativa è Maria Cristina Ferradini, Head of Sostenibility and Foundation di Vodafone Italia: «Il Salone Internazionale del Libro è uno degli eventi più importanti d’Italia a cui non potevamo mancare – spiega  -. Torino è una città in cui Vodafone è leader di mercato e in cui è in atto una forte sinergia sui temi sociali attraverso il sostegno fornito dalla Fondazione Vodafone Italia a 17 progetti non profit, per cui sono stati investiti circa 3 milioni di euro. Abbiamo condiviso la scelta del Salone di investire nella creazione di una App ufficiale perché siamo convinti delle potenzialità della tecnologia per fini informativi e non solo. Da tempo siamo partiti con un nuovo filone che si propone di utilizzare la tecnologia per favorire l’inclusione sociale, abbiamo lanciato Vodafone Easyway che ha l’obiettivo di mappare le barriere architettoniche nelle nostre città, Vodafone HelpTalk che vuole contribuire ad agevolare le persone con ridotte capacità di comunicazione verbale e Vodafone Big Launcher ideata per facilitare l’utilizzo dello smartphone a persone ipovedenti, ad anziani o a soggetti che hanno poca familiarità con le nuove tecnologie».

Maria Ianniciello

 

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento