Torino, allo Spazio Don Chisciotte la mostra “Pittoriscrittori”

@ Fondazione Bottari Lattes. Mario Lattes, Biblioteca
@ Fondazione Bottari Lattes. Mario Lattes, Biblioteca

Pittura e scrittura si incontrano nel nuovo spazio espositivo di Torino, ossia lo Spazio Don Chisciotte di via della Rocca 37. “Pittoriscrittori” è infatti il titolo della mostra che sino al 22 di giugno raccoglie una ventina di opere realizzate da alcuni dei protagonisti del Novecento, personalità di spicco che nel corso della loro vita si sono cimentati contemporaneamente nella pittura e nella letteratura. Si tratta, nello specifico, di Luigi Bartolini, Dino Buzzati, Italo Cremona,Filippo de Pisis, Albino Galvano, Mario Lattes, Carlo Levi, Alberto Savinio e Emilio Tadini.

@ Fondazione Bottari Lattes. Dino Buzzati, Il Babau
@ Fondazione Bottari Lattes. Dino Buzzati, Il Babau

Ma accanto all’eccezionalità dell’evento, attenzione merita anche il nuovo spazio torinese, il cui nome richiama subito alla nostra mente un’altra galleria espositiva, sorta nella capitale nel 1962 per volontà di Giuliano De Marsanich, cugino di Alberto Moravia. In quell’occasione, per inaugurare il primo “Spazio Don Chisciotte”, venne organizzata una mostra interamente dedicata a Mario Lattes, artista che riuscì a esprimere la sua creatività sia attraverso la pittura che la scrittura. Ed è così che la moglie di Lattes, Cateruna Bottari Lattes, oggi decide di dare vita a un nuovo luogo espositivo, inaugurato proprio con una rassegna dedicata a coloro che, esattamente come il marito, hanno trovato ispirazione in entrambe queste forme espressive.

EMILIO TADINI MUSEO DELL'UOMO
@ Fondazione Bottari Lattes. Emilio Tadini, Museo dell’uomo

Curata da Vincenzo Gatti, la mostra è stata realizzata da Spazio Don Chisciotte in collaborazione con la Fondazione Bottari Lattes di Monforte d’Alba e accanto alle opere esposte proporrà una serie di incontri tematici dedicati ai nove artisti selezionali e tenuti da critici d’arte, critici letterari e scrittori.

«L’esposizione – spiegano i promotori – raccoglie personalità di area torinese come Cremona, Galvano, Lattes e Levi, accanto a protagonisti storici della ricerca artistica del Novecento, come Savinio e de Pisis. In tempi più vicini si colloca l’opera del milanese Tadini, mentre con Bartolini e Buzzati ci si trova di fronte a individualità del tutto originali: Bartolini, incisore tra i più grandi del secolo scorso, acceso polemista e umoroso scrittore, e Buzzati, il grande visionario della letteratura, che diceva: “…Sono un pittore il quale, per hobby, durante un periodo purtroppo alquanto prolungato ha fatto anche lo scrittore e il giornalista. Ma dipingere e scrivere per me sono in fondo la stessa cosa…”».

CARLO LEVI IL FRATELLO
@ Fondazione Bottari Lattes. Carlo Levi, Il fratello

«Che cosa accomuna – domanda Bruno Quaranta nella sua introduzione al catalogo della mostra – Mario Lattes e Carlo Levi, Dino Buzzati e Albino, Galvano, Italo Cremona e Luigi Bartolini, Alberto Savinio e Emilio Tadini e Filippo De Pisis qui adunati? L’essere pittori e scrittori, indissolubilmente, esibendo una sola carta d’identità. Lo stesso Montale, sospeso fra accordi e pastelli, preoccupato di distinguere fra primo e secondo mestiere, infine comporrà ad unità e l’uno e l’altro, benedicendo il secondo, ed eventualmente il terzo, che consentono di salvare la dignità della poesia, non riducendola a merce, tutelandone la libera, liberissima manifestazione».

ALBINO GALVANO CALLIGRAMMA
@ Fondazione Bottari Lattes. Albino Galvano, Calligramma

Tra le opere in mostra segnaliamo “La fragile conchiglia” (1936) di Luigi Bartolini, “Il Babau” (1967) di Dino Buzzati, “Vittoria sul cavallo di gesso” (1939) di Italo Cremona, “Vaso di Fiori” (1944) di Filippo de Pisis, “Calligramma” (1960) di Albino Galvano, “Biblioteca” (1991) di Mario Lattes, “Il fratello” (1926) di Carlo Levi, “Prometeo” (1929) di Alberto Savinio e “Museo dell’uomo” (1974) di Emilio Tadini.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Valentina Sala

Valentina Sala
Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI