Salone del Libro, è il giorno di Javier Cercas


8-Cercas_Le-leggi-della-frontiera-660x1022Al Salone Internazionale del Libro di Torino anche oggi è stata una giornata intensa e ricca di eventi. Diverse le iniziative del tardo pomeriggio. Tra questi segnaliamo l’incontro con Javier Cercas che nella Sala Gialla presenta alle 18.30 il suo nuovo romanzo Le leggi della Frontiera (Guanda 2013), in cui lo scrittore racconta i dolori della Guerra Civile spagnola. E proprio sulla guerra civile in un’intervista l’autore afferma: «C’è stata troppa fretta nel voler rimuovere un passato creando una transizione verso una democrazia che in realtà non sarà mai tale se non si fanno i conti col passato. È ora di cominciare a parlarne». Il romanzo, che  è stato definito da El Pais «un meccanismo letterario quasi perfetto per ritrarre l’imperfezione della vita», è ambientato nella Spagna degli anni Settanta, un Paese che non riesce a lasciare alle spalle l’esperienza del franchismo e stenta a guardare al futuro. Siamo a Gerona. Ignacio Cañas è un ragazzo della classe media, che lavora in una sala giochi e che incontra Zarco, un giovane delinquente dal grande carisma, e Tere, con la quale ha una passione struggente e segreta. Ignacio vive tra furti, bande e droghe varie, ma qualcosa va storto. Passano gli anni. Cañas è diventato nel frattempo un avvocato importante. Un giorno riceve la visita di Tere, mandata da Zarco, che è diventato il detenuto più famoso del Paese. L’avvocato accetta di riallacciare i fili che lo legano al passato, sperando di riuscire a ripagare un antico debito, e di poter vivere finalmente il suo amore per Tere alla luce del sole. Lo scrittore spagnolo ci consegna  un romanzo coinvolgente. Cercas, che è nato nel 1962 a Ibahernando, Caceres, è docente di letteratura spagnola all’Università di Gerona e collabora con El Pais. Con Soldati di Salamina ha vinto il Premio Grinzane Cavour 2003; Anatomia di un istante ha ottenuto nel 2011 il Premio Letterario Internazionale Mondello e il Premio Salone Internazionale del Libro di Torino. Oltre all’intervento dell’autore spagnolo, tra gli appuntamenti in programma c’è  quello con Stefano Benni che alle alle 19.30 nella Sala Azzurra parla di “Elefanti rosa. Racconti brevissimi e pesanti teorie”.

Le immagini della giornata di ieri

 

 

 Per info sul Salone clicca qui: www.salonelibro.it 

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

 

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI