A Roma il Festival delle Letterature 2014

Roman ruins in Rome, Forum
© Sborisov – Fotolia.com

E` sempre più difficile organizzare eventi culturali a Roma, ma probabilmente dovunque in Italia. Tagli ai budget, e state pur sicuri che la cultura sarà sempre tra le prime ad essere colpita, permessi vari, concessioni, occupazioni di suolo pubblico e via dicendo. Ci sono degli intrepidi che ogni anno lottano ferocemente per proseguire tradizioni e appuntamenti che esulino dal provincialismo, dal mordi e fuggi, dal mangia e bevi. Se un Festival come quello delle Letterature resiste per il tredicesimo anno consecutivo all’abbrutimento indotto dal malefico pensiero che “con la cultura non si mangia”, vuol dire che i contenuti offerti sono di primissimo ordine, di grande raffinatezza, e che non tutti i cittadini sono rassegnati alla mediocrità rampante.

La tredicesima edizione del prestigioso Festival delle Letterature, ideato e diretto dal genio di Maria Ida Gaeta, direttrice della Casa delle Letterature di Roma, si presenta con forza e con una nuova veste scenica, visto il cambio di location, dalla consueta Basilica di Massenzio all’altrettanto suggestiva Piazza del Campidoglio. Promosso dall’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale, con il supporto organizzativo di Zètema Progetto Cultura, e iniziato con la serata del 27 maggio, propone dieci serate di letture e musiche, con ospiti italiani ed internazionali che, come ogni anno, leggono dei testi inediti ispirati da un tema, che in questa edizione è la citazione di Elias Canetti (considerato uno dei più grandi scrittori europei): “Ognuno, ma proprio ognuno, è il centro del mondo.

testata

Nel primo appuntamento, il 27 maggio, nella serata “Il dove e l’altrove”, a cimentarsi è stato Ildefonso Falcones, scrittore spagnolo protagonista di uno dei casi letterari più eclatanti, con il suo romanzo La Catedral del Mar del 2006, definito il romanzo storico più letto degli ultimi anni con 7milioni di copie vendute. Ha letto un suo inedito “Ognuno è il centro del mondo”. L’omaggio a Tiziano Terzani ha concluso la serata, con letture di brani tratti dai diari inediti dello stesso, da poco pubblicati e presentati al Salone del Libro di Torino, con la voce di Claudio Santamaria, Sonia Bergamasco e Angela Terzani Staude. Ad accompagnare il tutto, la musica del Gnu Quartet (viola, flauto, violino e violoncello). Nella seconda serata, altri grandi nomi per trasportare il pubblico sulle onde della letteratura, dentro la magia dell’affabulazione. L’irlandese Roddy Doyle (The Commitments) che ha letto il testo inedito “Essere irlandesi”. A seguire l’autore olandese Herman koch (il suo romanzo “La cena” è stato tradotto in 21 lingue) con il testo “Giorni finlandesi”. Infine Fabio Volo, e la musica dello straordinario trio composto da Paolo Damiani, Antonio Jasevoli e Francesco Merenda, hanno chiuso il cerchio. Il festival proseguirà da giovedì 5 giugno (Joshua Ferris, Paolo Giordano e Benjamin Alire Sàenz), con altri otto appuntamenti di grande livello. Tra i grandi nomi, anche Dario Fo e Stefano Benni. Nonostante le difficoltà organizzative, quest’anno ci sono anche tre novità: due eventi presso la Casa delle Letterature. Il primo, il 16 giugno, dedicato a letture di autori delle Repubbliche Ceca e Slovacca in occasione del decimo anniversario dell’inserimento nell’Unione Europea. L’altro, il 30 giugno, sull’italo americano John Fante, autore, tra le altre cose, del romanzo “Chiedi alla polvere”, da cui fu tratto anche un film nel 2006 con Colin Farrell e Salma Hayek. La terza sorpresa è l’incontro, temporalmente fuori dal Festival, il 17 settembre presso il Teatro Argentina, con la scrittrice canadese Margaret Atwood. Da segnalare inoltre che, nell’ultima serata in Piazza del Campidoglio, il primo luglio, insieme al grande saggista Vittorio Sermonti, saranno presenti i cinque autori candidati all’Edizione Speciale Premio Strega Europeo.

Notti da non perdere, assolutamente gratuite, nel cuore di Roma, ai piedi della statua di Marco Aurelio. Letteratura, poesia, musica, grandi ospiti. La cultura è viva e il suo cuore batte forte. Da tredici anni.

Il programma della manifestazione: http://www.festivaldelleletterature.it/it/programma-2014/

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Paolo Leone

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Paolo Leone

Paolo Leone
Nato a Roma. Ama il teatro, di qualsiasi genere. Free lance, segue le stagioni teatrali romane da anni, scrivendo recensioni e realizzando interviste ai protagonisti. Attento ai giovani talenti. Ha organizzato presentazioni di libri in librerie a Roma e provincia ed è stato relatore al Salone Internazionale del Libro di Torino nel maggio 2013.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI