PIERO ADDIS E IL CIELO VISTO DAL FINESTRINO…
11 febbraio 2013
Redazione (4056 articles)
Share

PIERO ADDIS E IL CIELO VISTO DAL FINESTRINO…

SAMSUNGDal 14 febbraio al 9 marzo 2013, presso la galleria Silbernagl & Undergallery di Milano si terrà la mostra di Piero Addis dal titolo “blue codes”. La personale, curata da David Galloway, raccoglie quindici dei suoi più recenti lavori fotografici che rappresentano una sorta di rococò digitale moderno ma profondamente radicato nella tradizione estetica. Il titolo “blue codes” (codici blu) si riferisce a voli che l’artista ha fatto in questi ultimi anni: “LH3959” per un viaggio da Milano a Francoforte, “AF511” per Damasco-Parigi, o “SU279” per Mosca-Milano, per esempio. Durante questi voli l’artista ha fotografato il cielo visto dal finestrino dell’aereo, raccogliendo materiale visivo che in seguito ha fuso con scene “celesti” dei dipinti di Giambattista Tiepolo.

«Il lavoro finito è lontano dall’essere un semplice composite. Un’intera sequenza di immagini è sovrapposta, modificata, stampata sulla migliore carta fatta a mano, trattata con acquerello o inchiostro, nuovamente sottoposta a scansione, ristampata e infine montata su tela. Anche questa fase finale, talvolta, è ulteriormente lavorata e trattata con foglia d’oro, nello spirito del Tiepolo. L’illusione fluido-spaziale creata dal maestro veneziano è tradotta in un linguaggio contemporaneo da Piero Addis, il quale impiega non solo i media elettronici, ma anche strumenti classici come pennello, matita e penna», afferma David Galloway. I “codici blu” si possono ritrovare nella tradizione dei taccuini degli schizzi su cui gli artisti viaggiatori hanno registrato le loro impressioni nel corso dei secoli. Come Addis, anche Tiepolo è stato un viaggiatore che non solo ha realizzato lavori su commissione in tutta Italia, ma che ha prodotto alcuni dei suoi affreschi più belli a Würzburg e Madrid. Il colore blu è un elemento centrale in quelle opere, che eleva lo sguardo dello spettatore al di sopra del monotono mondo quotidiano e lo guida verso il cielo. Per Addis, il colore blu evoca un’intera gamma di associazioni: il cielo e il mare, ma anche eleganza, malinconia, innocenza e armonia. (Non è un caso che le bandiere ufficiali dell’Unione Europea e delle Nazioni Unite utilizzino uno sfondo blu).

Note biografiche

Piero Addis ha studiato alla Nuova Accademia di Belle Arti a Milano, sotto la direzione di Emilio Tadini. Dopo la laurea, ha iniziato la carriera di Art Director presso agenzie di pubblicità internazionali di importanti capitali europee contribuendo alla realizzazione di campagne di successo e conseguendo un master biennale tra New York e Tokyo. Nel corso degli anni ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti. Ha tenuto numerose lectures e seminari in prestigiose università in Italia e all’estero: Milano, Roma, Berlino, Barcellona, Praga, Caracas, Mexico, etc. Dal 2003 al 2006 ha ricoperto il ruolo di Head of Arts and Culture per le Olimpiadi di Torino 2006 coordinando un cartellone culturale con oltre 250 eventi artistici in relazione allo sport. Come direttore artistico ha curato l’ideazione e la realizzazione di prestigiosi eventi durante il Festival di Cannes per circa 5 anni oltre ad alte iniziative di rilievo internazionale come la presentazione a Parigi della candidatura di Milano all’Expo 2015, Bollywood directors & producers a Bombay, la partecipazione della Regione Lombardia all’Expo di Shanghai 2010, etc.

Dal 2009 collabora con Regione Lombardia per gli eventi d’arte realizzando un ricco programma espositivo in qualità di direttore artistico; tra questi, la mostra “La Regione dà luce all’arte” con proiezioni delle opere sulla facciata del Grattacielo Pirelli su una superficie di oltre 7000 metri quadri. Dal 2002 ha ripreso una regolare attività di artista con personali e collettive in gallerie private e spazi museali pubblici a Parigi, Miami, Boston, Klagenfurt, Buenos Aires, Caracas, Mexico, Guatemala. Vive e lavora a Milano.

 

 

 

Tags Arte
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.