Pepi Merisio, fotografo del gioco
29 marzo 2013
Redazione (4050 articles)
Share

Pepi Merisio, fotografo del gioco

©Pepi Merisio

©Pepi Merisio

Pepi Merisio è considerato uno dei principali fotografi italiani contemporanei. Per rendergli omaggio ad Aosta sarà allestita una mostra, dal titolo “Pepi Merisio. Il gioco”,  presso il Centro Saint-Bénin. L’inaugurazione, che si svolgerà il 5 aprile 2013 alle 18, coincide con l’apertura della manifestazione Plaisirs de culture en Vallée d’Aoste, che si propone di rafforzare nei cittadini la sensibilità e l’interesse verso il patrimonio archeologico, architettonico, storico, artistico e culturale valdostano. L’esposizione, che si chiuderà il 29 settembre 2013, intende offrire un approfondimento sulla cultura fotografica in Italia nel secondo Novecento, attraverso una mostra fotografica dedicata a uno dei suoi protagonisti. Curata da Raffaella Ferrari e Daria Jorioz, l’esposizione presenta al pubblico circa cinquanta fotografie in bianco e nero e a colori, di varie dimensioni, aventi come tema il gioco, che Merisio racconta con delicatezza e poesia. Le fotografie, “vintage” e “modern print”, sono datate tra il 1950 e il 1989 e sono state realizzate da Merisio cogliendo la dimensione senza tempo dell’aspetto ludico nelle più varie situazioni della vita quotidiana. Nato a Caravaggio, in provincia di Bergamo, nel 1931, già apprezzato fotografo dalla metà degli anni Cinquanta per le collaborazioni con il Touring Club italiano e con i periodici Camera, Stern e Paris Match, Merisio diventa fotografo professionista nel 1962 e inizia la collaborazione con Epoca, allora la più importante rivista per immagini italiana. Per Epoca nel 1964 pubblica il reportage “Una giornata col Papa”, dedicato al Pontefice Paolo VI. Pepi Merisio ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti in Italia e all’estero, tra i quali nel 1963 a New York il “New talent of Popular photography”. E’ stato nominato nel 1988 Maestro della Fotografia Italiana dalla Federazione Italiana Associazioni Fotografiche e nel 1989, insieme a Fulvio Roiter e a Gianni Berengo Gardin, ha rappresentato l’Italia nel volume commemorativo dei 75 anni della casa fotografica Leica.

Orario 

Da martedì a domenica: 9.30 – 12.30; 14.30 – 18.30. Chiuso il lunedì.

 

Per info: u-mostre@regione.vda.itwww.regione.vda.it

 

 

Tags Arte, mostre
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.