MArteLive 2014? 900 artisti prendono d’assolto Roma e Lazio
19 settembre 2014
Paolo Gresta (76 articles)
Share

MArteLive 2014? 900 artisti prendono d’assolto Roma e Lazio

 

MArteLive 2014

“Ovunque”. L’attività mastodontica che MArteLive porta avanti dal 2001 a oggi non potrebbe essere riassunta meglio. L’idea nata a Roma dalla mente di Giuseppe Casa, sviluppata anno dopo anno in modo esponenziale e consolidatasi attraverso continue conferme, progetti artistici eccelsi e migliaia di collaboratori volenterosi e letteralmente iperattivi, oggi non è solo “ovunque” nella Capitale, ma ramificata nel Lazio. E in tutta Italia. Con l’obiettivo dichiarato di “invadere” l’Europa entro il 2016. Una scommessa che è diventata certezza granitica in poco più di una decade, una manifestazione (l’unica) in grado di inserire in cartellone la bellezza di più di 900 artisti, divisi in 16 sezioni, dislocati in 40 location in tutto il Lazio, per un totale di circa 250 spettacoli tra concerti, performance, rappresentazioni teatrali, installazioni. E molto, molto altro. L’occasione di questa prima BiennaleMArteLive, allora, che si terrà dal 23 al 28 settembre, non è altro che una specie di prova generale di quello che avverrà nel 2016, quando Casa e i suoi collaboratori vorrebbero allargare i confini della propria creatura al resto d’Europa. Una sfida che ha permesso loro di vincere il bando di 50.000 euro messo a disposizione dalla Regione Lazio per le “attività ricorrenti”, convincendo (a dir poco) l’Assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili Lidia Ravera a investire su di loro: «Credo che questi ragazzi se lo meritino afferma durante la presentazione dell’evento -. MArteLive trascina, esonda, invade spazi e luoghi diversi e arriva quindi a pubblici diversi, come un fertilizzante culturale sul Lazio. Ci sono energia, desiderio, creatività. Le loro iniziative riducono il gap tra Roma e il resto del Lazio, che è esattamente uno degli obiettivi principali delle nostre politiche. Sono soldi ben spesi, quindi». Le fa eco Paolo Masini, assessore allo Sviluppo delle Periferie di Roma Capitale: «Quello di MArteLive è un percorso condiviso e partecipato. E dev’essere visto come un seme che cresce, che non finisce cioè il 28 settembre. Nell’ottica dello sviluppo delle periferie, questa è sicuramente un’arma in più per sconfiggere il degrado».

presentazone MArteLive 2014E l’arma, cioè la cultura, raramente è stata così affilata. Nel centro nevralgico del progetto, ossia lo spazio dell’ex Mattatoio di Testaccio (Campo Boario, La Pelanda, la Factory e l’area esterna del Macro Future) si terranno le finali nazionali del contest MArteLive, dal 23 al 25 settembre. Con la presenza di grandissimi ospiti come Gang Of Four, Zen Circus, Fanfarlo e molti altri. Saranno inoltre coinvolte alcune prestigiose location come il Circolo degli Artisti, l’Atlantico Live, l’Init e il Monk. Per le arti performative (danza, teatro, arti circensi) il Rione Monti prenderà vita con il “Busker in Town”, rassegna di arti di strada. Il primo link con l’Europa nasce invece con “Twinning”, un progetto di collaborazione tra MArteLive e le ambasciate di Norvegia, Svezia, Finlandia e Danimarca assieme al Circolo Scandinavo presieduto da Ingo Arnanson. L’appuntamento è per il 26 settembre presso il Rialto Santambrogio. Anche la street art ricoprirà un ruolo da protagonista. Grazie alla collaborazione con diversi municipi di Roma, alcune aree di Corviale, Laurentino38, Cornelia, Boccea e Ottavia saranno messe a disposizione dei writers con l’obiettivo di riqualificare queste zone, in modo da attirare un maggior numero di persone e possibilmente anche di turisti. Infine, da segnalare la grande novità dei Workshop. Saranno 25 gli appuntamenti in cartellone dedicati ad arte, cultura e formazione che si terranno presso Palazzo Incontro e la Città dell’Altra Economia. Tra i tantissimi eventi, molti dei quali gratuiti, quello su Museologia contemporanea, Istituzioni e Decoro Urbano, Marketing non convenzionale, Moda e Riciclo, Ufficio Stampa, Fundraising e Progettazione Culturale.

conferenza MArteLive«Una sfida vinta grazie soprattutto al MArteLive System», spiega Giuseppe Casa, deus ex machina del progetto: «In realtà servirebbero non 50mila,  ma 500mila euro! Pensate che il 90 per cento del mio tempo l’ho impegnato per il fundraising e solo il 10 per cento per fare il direttore artistico.  Dovrebbe essere il contrario! Ma a oggi, solo noi siamo in grado di offrire più di 150 premi e di organizzare eventi a Frosinone, Cassino, Tivoli, Civitavecchia e in tante altre città del Lazio. Abbiamo creduto fortemente nel coinvolgimento delle Ambasciate e degli Assessorati alla Periferia e al Turismo. Ci abbiamo messo un anno, ma alla fine abbiamo capito come funziona. Perché MArteLive è e deve rimanere sinonimo di opportunità per tutti gli artisti».

Paolo Gresta

Paolo Gresta

Paolo Gresta

Paolo Gresta è nato a Roma nel 1977. Laureato in Lingue, con una specializzazione in Editoria e Scrittura, è giornalista pubblicista e collabora da anni con riviste e magazine online con articoli di cultura, spettacoli, musica e sport. Tra i suoi interessi principali ci sono la letteratura, i concerti, i viaggi e la scrittura”

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.