10 dicembre 2012
Redazione (4055 articles)
Share

MARGHERITA HACK, STELLE DA PAURA

IN LIBRERIA

La paura fa strani scherzi e ci fa vedere quel che non sappiamo spiegare come una minaccia o un prodigio. È proprio quello che è successo agli uomini antichi quando, vedendo il Sole oscurarsi in pieno giorno o il cielo notturno accendersi improvvisamente all’orizzonte con lunghissime lingue di fuoco, hanno fantasticato su draghi celesti che divoravano gli astri, divinità in cerca di vendetta, presagi di sventure di ogni tipo. Oggi, noi che conosciamo bene le eclissi e le aurore polari, guardiamo a quelle superstizioni con un’aria di superiorità… Ma allora perché scrutiamo il cielo alla ricerca di un Ufo o ci preoccupiamo di venire colpiti da un asteroide gigante? C’è davvero qualcosa di pericoloso nel cielo? Per liberarsi una volta per tutte dei timori infondati basta mettersi in contatto con l’Agenzia di investigazioni spaziali, dove un acchiappamisteri stellare, ovvero Margherita Hack, interviene a sfatare leggende e smascherare impostori, mostrando che la scienza può spiegare gli enigmi di ieri e di oggi, senza togliere agli oggetti celesti neppure una briciola del loro fascino, in questo libro, edito da Sperling & Kupfer dal titolo alquanto singolare: Stelle da paura.

MARGHERITA HACK è nata a Firenze nel 1922 e ha passato oltre sessant’anni della sua vita a osservare il cielo. È professore emerito di Astronomia all’Università di Trieste, dove ha anche diretto l’Osservatorio Astronomico (prima donna italiana a farlo) e socio nazionale dell’Accademia del Lincei. Ha lavorato presso osservatori americani ed europei ed è stata per lungo tempo membro dei gruppi di lavoro dell’ESA, l’agenzia spaziale europea e della NASA. Ha pubblicato lavori di ricerca, testi universitari e libri di divulgazione.

GIANLUCA RANZINI, divulgatore scientifico specializzato in Astrofisica, è uno dei fondatori del centro di Esobiologia, che studia la possibilità di trovare la vita al di fuori della Terra.

 

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.