“Le parole confondono” il nuovo libro di Giovanni Venturi

La copertina del libro "Le parole confondono"
La copertina

Voglia e paura di crescere. Emozioni in forma scritta che rappresentano vicissitudini e vita di personaggi, accompagnando il lettore in un viaggio di scoperta di se stessi e degli altri attraverso il cambiamento. Giovanni Venturi, scrittore napoletano, affianca ai suoi due lavori precedenti “Deve accadere” e “Viaggio dentro una storia” il suo primo romanzo, “Le parole confondono”, uscito in e-book.

La scheda-Le parole confondono” sfiora diverse tematiche (amoresolitudine, sessualità, amicizia, violenza, rapporto coi genitori) riuscendo, così, ad amalgamare l’interesse di una vasta fascia di lettori. Si utilizza un’unica focalizzazione: la voce in prima persona del protagonista, Andrea Marini, che inizia il suo racconto accompagnando il lettore per tutto il tempo della narrazione, coi protagonisti portati avanti e indietro nel tempo, facendoli correre costantemente su due binari, il presente e il passato. Si alternano una serie di flashback, e il quadro si riempirà, man mano, di ogni suo tassello fino a colmare i dubbi sulla personalità e sugli eventi che colgono in prima persona sia Andrea che Francesco. Conosceremo le strade di Napoli, le vie, la metropolitana milanese. Città moderne, città ostili che influenzeranno le scelte di vita di un ragazzo alla ricerca di se stesso. Napoli spingerà Andrea alla fuga a causa di una serie di eventi traumatici di cui dovrà tornare ad affrontare, pensando di averli superati. Il romanzo affronta un tema interessante e delicato. E lo fa con il giusto tatto e con una punta di mistero. Tant’è che, nonostante gli eventi raccontati, al lettore resta il dubbio fino alla fine sulla personalità di Andrea.

«Le parole davvero riuscivano a confondermi. Mi perdevo dietro aggettivi, sostantivi, verbi e punteggiatura, poi il testo diventava contorto, i periodi si facevano difficili da seguire. Rincorrevo folli storie che poi scoprivo detestare, forse non reggevano affatto, forse erano noiose e, nel frattempo, mi ero inoltrato troppo senza aver centrato il cuore della narrazione. Poi, veniva anche il momento che ci si perdeva completamente, senza più speranza di ritorno. Come quando ci si innamora.»

Sinossi- È una mattina come tante a Milano, tranne che per Andrea, fermo sulle terrazze del Duomo, deciso a lanciarsi nel vuoto. La sua vita è arrivata a un punto di rottura. Scavando nel suo passato, scopriamo la sua storia: quella da adolescente all’ultimo anno delle  superiori, in una Napoli che gli si incolla addosso con un evento traumatico, e quella da venticinquenne, in una Milano nebbiosa e troppo affollata che lo costringe a prendere in mano le redini della sua esistenza e darsi da fare. Se a Napoli viveva la sua dimensione di adolescente irrequieto, a Milano sarà l’amicizia con Francesco a consentirgli di orientarsi in una città a tratti ostile. Qui dovrà ripartire da sé stesso, affrontando un segreto che credeva sepolto e dimenticato, ma sarà una scoperta sconvolgente sul suo migliore amico a spezzare quel precario equilibrio faticosamente raggiunto.

Può un’amicizia resistere a un terribile segreto?

Biografia- Giovanni Venturi è un ingegnere informatico che usa/ama/odia Linux. Windows lo ha abbandonato dieci anni fa, una notte che era stanco di soffrire per vedere un banale DVD mentre il sistema si riavviava di continuo sempre nella stessa scena del film. Esprime emozioni viscerali, forti, molto emotive, cambia spesso idea, vorrebbe pubblicare per un grande editore, ma dati i fatti che si verificano quotidianamente crede che la miglior cosa sia scrivere per non pubblicare, come il pittore pazzo del film “Il mistero di Bellavista”, di Luciano De Crescenzo, l’arte non si vende, ma si distrugge. Dice continuamente di voler smettere di scrivere e di lasciarlo fare a chi lo sa fare meglio, ma poi si imbatte in pessime storie trovate in libreria e si redime, torna a scrivere e poi se ne pente di nuovo. In bilico tra amore e odio per la scrittura ha pubblicato otto racconti per un editore romano, senza pagare nulla, e un capitolo di un romanzo a più mani. Si occupa anche di e-book e, a luglio del 2012, pochi mesi prima della fine del mondo, il suo primo e-book indipendente. Seguito a Natale del 2012 con il racconto “Viaggio dentro una storia”.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Dove trovarlo- Al momento è possibile acquistarlo su Amazon (formato Mobi) e su Kobo Books e in Mondadori (formato ePub standard per ogni lettore e-book reader e non).

visitate il blog:  http://giovanniventuri.com/

Romina Capone

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Romina Capone

Romina Capone
Romina Capone, Avellino. Dottoressa in Lettere e Filosofia presso l'Università degli Studi di Salerno. Laureata in materia di Linguaggio giornalistico, è giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Nel 2008 fino al 2010 ha collaborato per il quotidiano provinciale "Ottopagine". Dal 2011 ad oggi scrive per il quotidiano nazionale "Il Mattino". Intermediatore culturale per la casa editrice Il Papavero di Donatella De Bartolomeis. Moderatrice di eventi e scrittrice. Per Cultura & Culture, è responsabile della sezione Cultura (Arte e libri).

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI