LADY DIOR, UNA MOSTRA DEDICATA ALLA BORSA DEL FAMOSO STILISTA

Foto: triennale.org

L’ottobre della Triennale di Milano si apre con tre nuove mostre per tre temi differenti: arte, architettura e moda. In particolare ti segnalo la grande mostra L’architettura del mondo che affronta il rapporto tra architettura, ingegneria e infrastrutture dal Novecento a oggi con uno sguardo internazionale e una riflessione sull’Italia, e Lady Dior As Seen By che raccoglie settanta interpretazioni di artisti della borsa Lady Dior. Raffinata e ricercata, simbolo di femminilità, la borsa ha ispirato negli anni un vibrante dialogo tra l’icona di Dior e le opere di molti artisti. La mostra raccoglie più di settanta eccezionali opere d’arte che rendono omaggio all’icona di stile Dior.

La mostra Pitoti presenta al pubblico le immagini straordinarie frutto dell’incontro innovativo fra due ricchissime ed ingegnose tradizioni grafiche: l’arte preistorica e le arti digitali. Per la prima volta, le arti digitali – con il loro fascino e la loro forza – si combinano ai cosiddetti pitoti della Valcamonica, una valle alpina con una delle le più ricche concentrazioni di immagini preistoriche d’Europa. I Pitoti, immagini preistoriche incise picchiettando sulle grandi rocce modellate dai ghiacciai, diventano parte di una grandiosa metafora cinematografica che vede le incisioni come i fotogrammi di un film proiettato nel vasto “cinema-auditorium” costituito dal paesaggio circostante. Il progetto prende poi spunto da questa metafora per stimolare nuovi sviluppi nel campo della ricerca. I colpi di picchiettatura sulla roccia, o “pexils”, si possono paragonare ai pixel delle immagini digitali. L’applicazione di questa idea apre le porte all’ uso delle tecniche digitali per riportare in vita le statiche immagini preistoriche: fotografia digitale, cartoni animati, fotografia time-laps, scansioni laser e stampe 3D, analisi acustiche in ambiente, “Panorama”, “Ambient Cinema” e un videogioco. Pitoti è una joint venture tra archeologi e artisti digitali, una collaborazione pionieristica che ha aperto prospettive inaspettate e sorprendenti.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI