IN ITALIA IL WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR
4 febbraio 2013
Redazione (4056 articles)
Share

IN ITALIA IL WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR

Vladimir Medvedev – Russia Porcupine watching

 

Owen Hearn – UK-Flight-paths.

A Forte di Bard, in Valle d’Aosta, approda dal 2 febbraio al 5 maggio 2013 il tour mondiale della mostra itinerante “Wildlife Photographer of the year 2012”. Si tratta della prima tappa italiana dell’esposizione, che raccoglie oltre cento immagini, vincitrici nelle 18 categorie del concorsoindetto dal Natural History Museum di Londra in collaborazione con il BBC Wildlife Magazine e giunto ormai alla sua 48esima edizione. Il premio, che si tiene ogni anno dal 1964, è senz’altro il più prestigioso al mondo nel suo genere, e questa edizione ha visto la partecipazione di oltre 48mila concorrenti provenienti da 98 paesi. In ognuna delle categorie, sono stati selezionati i vincitori da una giuria di stimati esperti e fotografi naturalisti. Il premio più ambito, il Veolia Environnement Wildlife Photographer of the Year, è stato assegnato al fotografo canadese Paul Nicklen per la sua fotografia Bubble-jetting emperor, un’immagine spettacolare di pinguini imperatori (ultima foto), nel loro caotico mondo sottomarino, scattata nel Mar di Ross, in Antartide. Paul è rimasto immobile, con le gambe bloccate nel ghiaccio, aspettando i pinguini. Improvvisamente gli uccelli sono saltati fuori dalla profondità e, con le dita congelate, il fotografo ha catturato questa incredibile immagine. «Questa immagine – afferma la giuria – ti trascina per un attimo nel privato mondo dei pinguini imperatori: un caos infinito e perfettamente organizzato».

Jordi Chias – Spain Turtle gem

Il Veolia Environnement Young Wildlife Photographer è stato vinto dall’inglese Owen Hearn, con Flight paths nella categoria 11-14 anni. La foto ha come protagonista una splendente aquila e sullo sfondo (foto a sinistra), in lontananza, un aeroplano. La foto è stata scattata nel luogo originariamente scelto per il terzo aeroporto di Londra, nel 1960, quando le aquile rischiavano l’estinzione. L’opposizione alla costruzione dell’aeroporto e la reintroduzione delle aquile, ha fatto sì che oggi questi uccelli possano volare ancora. Tra i fotografi italiani che hanno partecipato al prestigioso concorso, ci sono state due menzioni speciali: Fortunato Gatto con la foto Celebration of a grey day, ha ricevuto una menzione nella categoria “Wildscapes”. Si tratta di un paesaggio che ritrae la Laig Bay, in un’isola della Scozia nord-occidentale. L’altro italiano che ha ricevuto una menzione, questa volta nella categoria “Creative Visions” è Hugo Wassermann con la foto Positioning, che immortala un’upupa su un tronco, nella nebbia.

Paul Nicklen – Canada Bubble jetting emperors

Tags Arte
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.