12 novembre 2012
Redazione (4050 articles)
Share

I CUSTODI DELLA BIBLIOTECA

È quasi terminata l’attesa per il terzo capitolo della trilogia di Glenn Cooper sulla misteriosa biblioteca dell’Isola di Wight, che va dal Medioevo al 2027. Il custodi della biblioteca (Nord, pp. 450, Euro 19,60) uscirà in Italia il prossimo 15 novembre. Il libro completa la trilogia de La biblioteca dei morti. L’autore sarà a Milano per Book City il 16 novembre. Dopo la tappa romana del 19, riceverà la cittadinanza onoraria del comune di Solofra (Avellino) e il 22 sarà a Messina.

IL LIBRO – Abbazia di Vectis, 1296. sono tutti morti. Gli scrivani dai capelli rossi che, generazione dopo generazione, hanno compilato la sterminata biblioteca in cui è riportato il giorno di nascita e di morte di ogni uomo vissuto dall’VIII secolo in poi si sono suicidati: nello stesso istante e nel silenzio. La loro eredità è un’ultima data: il 9 febbraio 2027. Tuttavia la giovane Clarissa non sa di essere la causa di quel gesto estremo. Il suo unico pensiero è continuare a correre, per allontanarsi il più possibile dall’abbazia. Solo quando arriverà nel suo villaggio sarà di nuovo al sicuro e potrà dare alla luce il bambino che porta in grembo… L’incubo ritorna. Decine di persone ricevono una cartolina con disegnata una bara e segnata una data: il giorno della loro morte. Proprio come nel 2009, proprio come all’inizio della straordinaria serie di eventi che ha portato alla scoperta della biblioteca dei morti? Sì, ma con una singolare differenza: tutte le “vittime” sono di origine cinese. La comunità internazionale è in subbuglio e il governo di pechino minaccia ritorsioni se non si farà luce sul mistero… Will Piper si è lasciato tutto alle spalle. O almeno così crede. Mentre il mondo si chiede cosa succederà il 9 febbraio 2027, lui sa che sopravvivrà a quella data fatidica. Ma, d’un tratto, suo figlio sparisce nel nulla e ogni cosa, per Will, torna a ruotare intorno al segreto della biblioteca dei morti. Un segreto che solo apparentemente era stato svelato.

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.