Festivaletteratura di Mantova: la Cultura di “qualità” premia

©Festivaletteratura 2013
©Festivaletteratura 2013

Eraclito, filosofo dell’antica Grecia, secondo la tradizione, affermava Pánta rhêi, tutto scorre. Tutto passa. La vita è un soffio. Eppure, il pensiero resta intatto nei secoli. La cultura non è acqua che scorre ma si diffonde nell’etere attraverso il pensiero. In che modo? Con i libri, con l’Arte, con il Cinema, con la riflessione. I numeri del Festivaletteratura di Mantova, che si è aperto il 4 settembre e si è chiuso l’8 settembre 2013, dimostrano che in Italia è forte il bisogno di Cultura. Le persone, nonostante i luoghi comuni, hanno sete di sapere, di conoscere. Perché è proprio la conoscenza che mantiene giovane il cervello. Ebbene, l’edizione di quest’anno di una delle kermesse letterarie più accreditate d’Italia ha fatto emergere che è presente negli italiani anche la voglia di discutere e di confrontarsi su tematiche complesse. Si è evinto inoltre che ormai il web – in particolare i social network –  ha di anno in anno un ruolo sempre più di primo piano nella condivisione della Cultura.

Lo staff del Festivaletteratura  con una nota ha fatto sapere che sono stati staccati 64mila biglietti, mentre sono 48mila le persone che hanno partecipato agli eventi gratuiti. Tra i progetti, che hanno avuto un buon riscontro, figurano “Genealogie”, “The Reading Circle”, “Latinoamericana”“Scritture giovani” e “Pagine nascoste”. E, per quanto riguarda il web, il sito della manifestazione è stato visitato da 80mila utenti in cinque giorni, con un + 6 per cento rispetto all’edizione del 2012. Dall’8 agosto all’8 settembre i contatti del portale ammontano invece a 150mila, mentre il programma del festival è stato scaricato, in pdf, da 60mila utenti. Su Facebook, sono stati raggiunti, attraverso i post, 600mila fan e oltre 10mila sono stati i tweet con l’hashtag ufficiale dell’evento, che ha ottenuto 8mila mentions. E adesso si pensa già al prossimo anno. L’appuntamento con il Festivaletteratura di Mantova è dal 3 al 7 settembre 2014.

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI