Dialetti italiani, ecco il concorso di poesia dialettale

Troisi
Massimo Troisi

Il dialetto è un bene da preservare, proprio come si fa o si dovrebbe fare con i monumenti e le opere d’arte. Le origini delle molteplici forme dialettali della penisola italiana si perdono nella notte dei tempi. Parole che sono delle vere e proprie melodie, tanto da ispirare poesie e canzoni. Ogni dialetto racchiude un mondo, lontano, a volte fatto di simboli e significati nascosti, dove culture pagane e millenarie fanno ancora sentire oggi, attraverso per esempio proverbi e modi di dire, la loro voce. Conscia di questi e altri aspetti, la Casa Editrice Il Papavero di Donatella De Bartolomeis ha bandito per il terzo anno consecutivo il Concorso Nazionale di Poesia Dialettale dedicato a Massimo Troisi. La madrina dell’iniziativa, che si intitola “Radici poetiche”,  è Rosaria Troisi, sorella dell’attore  e del regista partenopeo, deceduto nel 1994 subito dopo aver girato il film “Il postino”. I concorrenti potranno partecipare all’iniziativa con un massimo di tre poesie dialettali inedite, da spedire entro e non oltre il  prossimo 15 maggio. La giuria sarà affiancata da un comitato scientifico. I premi saranno tre e consistono in un’opera d’arte e in una pergamena. Sarà pubblicata inoltre un’antologia con le poesie vincitrici e con i componimenti  ritenuti idonei. La premiazione si svolgerà in Irpinia.

Per il bando: http://edizioniilpapavero.com/radici-poetiche-2014.html

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI