Di mamma ce n’è più d’una, il libro della Lipperini
10 marzo 2013
Redazione (4043 articles)
Share

Di mamma ce n’è più d’una, il libro della Lipperini

978-88-07-17251-9Rita Levi Montalcini affermava che non bisogna preoccuparsi dell’emancipazione; forse perché più ci si preoccupa di una cosa più quest’ultima arriva nella vostra vita, anche contro il nostro volere. L’importante è fare, agire sempre e comunque. Eppure c’è una realtà che merita di essere raccontata e che purtroppo non trova spazio sui media e sui giornali, perché a dettare le regole nel Bel Paese sembra (anche se la politica in questi giorni ci sta dimostrando il contrario) essere ancora la Mamma Televisione, dove la donna è  soprattutto negli spot pubblicitaria l’angelo del focolare. E se proprio vogliamo guardare al web bisogna considerare un altro fenomeno e inquadrarlo per quello che è: il proliferare dei blog delle mamme che scrivono  delle loro esperienze con i figli e che spesso accusano di egoismo coloro che decidono di fare scelte diverse, anziché appoggiarle. C’è un vero conflitto tra donne. Corsi e ricorsi storici. Loredana Lipperini torna a parlare di donne, dopo i libri Non è un paese per vecchie” e “Dalla parte delle bambine”. E lo fa con un taglio diverso, sempre mediante un libro che si intitola “Di mamma ce n’è più di una”, edito da Feltrinelli (euro 15 – 320 pagg.), uscito il 20 febbraio scorso.

Il libro – Il Palazzo d’Inverno di Pechino era luogo di meraviglie e splendore. Ma il suo nome era anche Città proibita. L’imperatore della Cina, che deteneva il potere più alto, era prigioniero del suo palazzo, proprio in virtù di quel potere. Anche la maternità è un Palazzo d’Inverno: dove è splendido aggirarsi ma da dove non si può uscire. Per secoli, anzi, è stato l’unico potere concesso alle donne, e oggi torna a essere prospettato come il più importante: l’irrinunciabile, anzi. Lo ribadiscono televisione, giornali, libri, pubblicità, blog: perché volere tutto se si può essere madri, possibilmente perfette? Alle donne, in nome del nuovo culto della Natura, si chiede dolcemente di allattare per anni e di dedicare ogni istante del proprio tempo ai figli: si dice loro che tornando a chiudersi in casa, facendo il sapone da sole e lasciando libero il proprio posto di lavoro salveranno il paese, e forse il mondo, da una crisi economica devastante. Oppure, se proprio vogliono lavorare, devono diventare “mamme acrobate” in grado non solo di conciliare lavoro e famiglia, ma di farlo con il sorriso sulle labbra e la battuta pronta, magari per raccontarsi su blog che sono il territorio di caccia preferito per tutte le aziende che producono passeggini e detersivi. Intanto, nell’Italia dove il mito del materno è potentissimo, per le madri si fa assai poco sul piano delle leggi, dei servizi, del welfare, dell’occupazione, dell’immaginario: e nella riproposizione dei cliché sembra profilarsi per le giovani donne quella che potrebbe non essere più scelta, ma Destino. Ma invece di unirsi, le donne si spaccano. Le fautrici dei pannolini lavabili contro le “madri al mojito”, che non disdegnano una vita sociale e lavorativa accanto agli impegni genitoriali. Le madri totalizzanti contro le madri dai mille impegni. Natura contro cultura. Femminismi contro femminismi, anche: perché moltissime giovani donne rivendicano una maternità esclusiva contro le madri “che erano anche altro”. Contro le loro madri, in effetti.

L’autrice –  Loredana Lipperini è nata a Roma, collabora con le pagine culturali di “Repubblica”, conduce il programma Fahrenheit su Radio3, scrive sul blog Lipperatura.it. Con Feltrinelli ha pubblicato Ancora dalla parte delle bambine (2007) e Non è un paese per vecchie (2010).

 


234x60_promo

Tags editoria
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.