COMUNICAZIONE E CULTURA: NUOVE INIZIATIVE PER “CI VEDIAMO IN MUSEO”

Francesco Hayez, Ritratto di Matilde Juva Branca (1851)

Prosegue a Milano con due nuove iniziative estive il percorso del Comune verso un nuovo modo di comunicare e vivere i musei, che va sotto il nome del progetto “Ci vediamo al Museo”.

«Ci vediamo in piazza Duomo è una delle prime frasi in italiano che imparano tutti coloro che arrivano a Milano – ha detto l’assessore alla Cultura Stefano Boeri –. Visto che, grazie ad Eni, tutti i musei civici resteranno aperti con ingresso gratuito, con queste iniziative vogliamo trasformare i nostri musei, e non solo piazza Duomo, sempre più in luoghi di incontro e di scoperta».

Al Museo del Novecento, a partire dal prossimo 6 agosto, e per tutto il mese, saranno presenti 11 ragazzi dell’istituto CTP (Centro Territoriale Permanente di istruzione e lavoro) che ha sede presso la scuola media “Luini  Falcone” di Rozzano, provenienti da Cina, Egitto, Salvador e Bangladesh. Tutti i lunedì e giovedì del mese di agosto, dalle 15 alle 18, i ragazzi racconteranno ai visitatori una selezione di opere esposte. Ogni studente stazionerà davanti all’opera prescelta fungendo da “didascalia vivente” per spiegare i contenuti del lavoro esposto e fornire riferimenti per poter comprendere meglio il significato e il pensiero dell’artista.

Durante l’anno scolastico, il Museo del Novecento è stato luogo di apprendimento per gli studenti del CTP, tutti tra i 16 e i 19 anni, alcuni dei quali neo arrivati in Italia e quindi con una conoscenza dell’italiano molto limitata. Le opere del Novecento sono state il punto di partenza per l’insegnamento della lingua italiana e per l’approfondimento della cultura di base dei ragazzi, che alla fine hanno prodotto un corto dal titolo ‘Forse l’artista era un po’ nervoso’, montando video girato con i telefonini, e realizzato una mini guida al Museo, con i loro commenti alle opere.

L’iniziativa prevede anche che gli studenti svolgano il ruolo di mediatori culturali, distribuendo materiale informativo relativi al Museo, ai turisti e ai cittadini che transiteranno in piazza del Duomo.

Le opere individuate dai ragazzi sono:
–        Il Quarto Stato (Pellizza da Volpedo)
–        Forme  uniche della continuità nello spazio, Stati d’animo (Umberto Boccioni)
–        Composizione (Kandinskij)
–        Bambina x balcone (Balla)
–        I morti di Bligny trasalirebbero, La sete (Arturo Martini)
–        Il bel cadavere (Funi)
–        Donne al Caffè (Marussig)
–        Uomo che dorme (Guttuso)
–        Rovesciare i propri occhi (Penone)
–        Zebra (Merz)

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Presso la Galleria d’Arte Moderna, invece, il progetto “Ci vediamo al Museo” prenderà la forma di una ‘Galleria video’ di brevi letture di opere esposte al Museo, realizzata dai ragazzi del Servizio civile Volontario della GAM. in italiano e in inglese, disponibili da settembre sul sito web della GAM– www.gam-milano.com.
Da una finestra della home page si potrà accedere ai video commentati, ciascuno dedicato all’approfondimento di singole opere esposte nelle sale della GAM o del patrimonio custodito nei suoi depositi.
L’iniziativa, oltre a offrire la possibilità di ammirare le opere a chi non può visitare il museo, intende sperimentare nuovi approcci comunicativi attraverso la rete, sulla scia delle già numerose esperienze di visita virtuale dei maggiori musei internazionali.

Il primo ciclo di letture interessa quattro opere e approfondisce il rapporto tra arte e musica. Le opere commentate sono:
·        Pietro Bernasconi, Bice del Balzo (1868)
Rondinella pellegrina e le canzoni risorgimentali
·        Francesco Hayez, Ritratto di Matilde Juva Branca (1851)
La lirica e Verdi nella Milano di Hayez e Manzoni
·        Antonio Galli, La pazza per amore (1854)
La pazzia amorosa nel melodramma e nell’arte
·        Giuseppe Grandi, Beethoven fanciullo (1874)
“Tra i colori, i suoni e i profumi”, la Scapigliatura musicale

L’ingresso al Museo del Novecento e alla GAM, come per tutti i musei civici milanesi, è gratuito sino al 26 agosto, grazie all’iniziativa ‘Estate al Museo 2012’ ideata e promossa dal Comune di Milano, in collaborazione con Eni.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI