Chiara Gamberale: «Adesso è lasciare andare il passato»

Ieri sera, 10 febbraio 2016, a Roma in una Feltrinelli stracolma di persone, è stato presentato il nuovo e attesissimo romanzo di Chiara Gamberale, Adesso, da oggi disponibile in tutte le librerie ed edito da Feltrinelli. Ad aprire la presentazione è stata la stessa Gamberale che, nel totale silenzio, ha letto un passo significativo del libro: «Io? Tu. Non sono pronto. Nessuno lo è. In verità? In verità ho paura. Tanto ormai è successo. E quando? Adesso». Il romanzo racconta la fase dell’innamoramento tra Lidia e Pietro dall’interno, tra slanci e resistenze, vecchie ferite e nuove speranze. È Erica Mou a spezzare il silenzio entrando in scena per interpretare, con la sua delicatissima voce, il brano Adesso – omonimo del romanzo e a esso ispirato, scritto a quattro mani con Chiara Gamberale -, creando un’atmosfera poetica e carica d’emozione, la stessa che abbiamo visto sul volto della scrittrice. Dopo un breve prologo e la presentazione del video promozionale, che potete vedere in calce, la Gamberale ha lasciato la parola ai suoi lettori.

Chiara Gamberale ha invitato la platea a farle alcune domande, cercando un dialogo con il suo pubblico al quale ha dimostrato di essere molto legata. Diverse persone si sono avvicendate sulla poltrona accanto a lei. Una donna le ha chiesto: «Quant’è lungo un adesso? Perché io sento che il mio, dopo tredici anni, non è ancora finito» e la Gamberale ha risposto che, Lidia e Pietro, i suoi protagonisti, s’interrogano proprio su questo e su come far durare l’adesso. Un’altra persona ha voluto invece sapere qual è il messaggio del romanzo e la scrittrice ha detto che nella vita è necessario salutare e lasciar andare il passato per potersi abbandonare nuovamente, godere dell’adesso, e che ne vale sempre la pena. Un messaggio ricco dunque di speranza a parer di chi scrive. E questo nonostante la Gamberale abbia letto, nel corso della presentazione, brani dal sapore amaro, in cui talmente forte è la disillusione che si ha la sensazione di ricevere uno schiaffo e nei quali chiunque in sala ha potuto rispecchiarsi. Quella tra Pietro e Lidia è, infatti, sì una storia d’amore, ma di un sentimento che arriva dopo aver provato il dolore della fine di una storia precedente, con tutte le paure e le insicurezze che ne conseguono, ma anche e soprattutto la gioia e la benedizione, che sono un nuovo inizio, da leggere altresì come una rinascita e una forte motivazione per il miglioramento di sé.

chiara-gamberale-adesso

La scrittrice, traendo spunto da un’altra domanda, si è poi soffermata sul lungo lavoro che ha richiesto la copertina del libro, dove è rappresentata una caduta, che, liberata da ogni elemento ansiogeno, è lieve all’occhio. Infine ha dedicato attenzione ad altri personaggi del romanzo, agli amici di Lidia soprattutto, qui definiti come “quelli dell’arca senza Noè”; si tratta di figure importanti nella trama perché famiglia elettiva della protagonista, persone come lei danneggiate e per questo unite da un legame forte. La presentazione si è chiusa con i ringraziamenti della scrittrice a chi ha lavorato duramente per la pubblicazione del romanzo e con la firma di rito delle copie dei tantissimi lettori presenti ieri sera a Roma. Un libro, Adesso, che già si preannuncia essere un best seller a giudicare dall’enorme affluenza e, soprattutto, dalla carica emotiva che Chiara Gamberale ha mostrato di aver racchiuso in queste duecento pagine circa.

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Laura Di Francesco

Laura Di Francesco
Laura Di Francesco è nata a Roma nel 1984. Laureata in Lettere con il massimo dei voti, attualmente si occupa di Arte e Musica per diverse webzine. È in fase di pubblicazione la fanzine cartacea italiana dedicata ai Blur di cui è un'autrice. Gestisce inoltre "La Filologa del Rock 'n' Roll", blog di musica - prevalentemente rock - da lei creato nel 2015. Il sito: https://lauradifrancesco84.wordpress.com

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI