Braccialetti rossi: il libro di Espinosa, la recensione

Braccialetti RossiUn libro come “Braccialetti rossi” di Albert Espinosa ti dà diverse lezioni, una su tutte è che per apprezzare la vita devi imparare a simpatizzare con la morte, a stimarla quasi, perché se non pensi mai alla morte, non riuscirai mai a conoscere e comprendere il significato profondo della tua esistenza, vissuta nella perenne preoccupazione della perdita, spesso immaginata e temuta tanto da non farci assaporare il presente, attimo per attimo, momento per momento. Perdere. Espinosa sa cosa vuol dire. Lui che ha perso un polmone e una gamba. Lui che oggi ha creato un ponte tra l’adolescenza – quando gli è stato diagnosticato il cancro – e l’età adulta. Nel libro, edito in Italia da Salani editori con Rai Eri, l’autore descrive un mondo in giallo, dove i sogni si possono realizzare solo se ci credi veramente, con tutto te stesso. La prosa è semplice, diretta, a tratti divertente, senza troppi giri di parole. Il rapporto tra l’autore e il lettore si fa viscerale, carnale… mano a mano che si procede con la lettura. Si tratta di un libro intenso, che ha ispirato la fortunata fiction di Rai 1. L’ingegnere scrittore ci consegna un testo fatto di scoperte quotidiane, che, traendo spunto dalla poesia “Autobiografia” di Gabriel Celaya, è suddiviso in quattro fasi: Per cominciare, Per continuare, Per vivere, E riposare. In ogni parte Espinosa, con l’entusiasmo di un quattordicenne e la saggezza del trentenne, ci svela le sue ventitré scoperte conducendoci nell’universo dei gialli. Chi sono? Non spetta a me dirvelo, vi rovinerei il gusto della scoperta, nel corso della quale proverete quelle emozioni che solo un viaggio iniziatico può donarvi. Perché la bellezza di queste pagine sta nella semplicità con cui è affrontato un argomento importante come la malattia. “Braccialetti rossi” è… come un treno che ti conduce al capolinea; è un’esperienza meravigliosa proprio come la vita che comincia con la nascita, quando ci danno il nome che ci codifica e ci identifica per sempre. “Ti mettono un nome e via. Vedetevela con la vita. Magari si potesse farne a meno di un nome”. 

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI