ALICE GIMENEZ-BARTLETT A MILANO

Alice Giménez-Bartlett

Al primo posto della classifica dei libri più venduti la scorsa settimana, nella top ten dei più acquistati su Amazon.com, Gli onori di casa (Sellerio, pp. 221, Euro 15,00) sta conquistando il pubblico italiano dopo il grande successo ottenuto in Spagna. L’autrice, Alice Giménez-Bartlett, presenterà il suo libro insieme a Marco Mavaldi  domani, mercoledì 30 gennaio, alle ore 17.30, nel Chiostro del Piccolo Teatro Grassi di Milano.

La scrittrice spagnola, apprezzata dal 1984, anno del suo debutto letterario con Exit, ha da sempre una predilezione per i romanzi polizieschi e dal 1996 la sua penna ha dato vita ad uno dei personaggi più stravaganti del panorama letterario europeo: l’ispettrice Petra Delicado.

Ne Gli onori di casa, l’ispettrice e il suo aiutante Fermín Garzón sono in trasferta a Roma. È stata riaperta una vecchia indagine le cui tracce portano proprio in Italia. I due sono ben contenti della novità. Si tratta di una storia che parte da lontano: un facoltoso imprenditore di Barcellona, Adolfo Siguan, con un debole per le giovani prostitute, rimane vittima di una coppia diabolica, che lo narcotizza per svaligiargli l’appartamento e finisce per ucciderlo sfondandogli la testa. Con l’arresto di Julieta, la ragazza che ha adescato Adolfo, e la morte violenta del suo protettore, il caso pare ormai chiuso, anche se la ragazza giura che non è stato il suo uomo a commettere il delitto ma un misterioso italiano scomparso nel nulla. Passano cinque anni. L’ancor giovane vedova della vittima, che non è mai stata persuasa dall’esito delle indagini, ottiene la riapertura del caso. È qui che entrano in azione Petra e Fermín, che dopo avere fortunosamente rintracciato l’ex prostituta Julieta, ormai riabilitata e uscita di prigione, riescono a farsi rivelare il nome dell’italiano. Sbarcati a Fiumicino, si ritrovano affiancati da due pari grado: un ispettore di Polizia e la sua giovane assistente. L’indagine è più intricata del previsto, piena di avventure e con un drammatico colpo di scena: Petra questa volta rischia davvero.

L’ambientazione italiana, l’incontro con una coppia di «sbirri» inversamente proporzionale a Petra e Fermín, l’intreccio movimentato, fanno de Gli onori di casa un romanzo particolarmente felice. Come sempre l’ispettrice Delicado e il suo vice si muovono con intelligenza e ironia e giocare fuori casa dà alla coppia conquistata dalla vacanza romana, se possibile, una marcia in più.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI