7 novembre 2012
Redazione (4055 articles)
Share

A UDINE LE GIORNATE DEL TIEPOLO

Giambattista Tiepolo, Mosè salvato dalle acque

È stato presentato oggi, 7 novemnre 2012, a Udine dall’Assessore alla Cultura del Comune di Udine Luigi Reitani il programma completo della manifestazione “Giornate del Tiepolo 2012-2013”. Sono intervenuti per l’occasione, tra gli altri, il sindaco di Udine Furio Honsell e il direttore di Turismo Fvg Edi Sommaria. Oltre alla mostra “I colori della seduzione. Giambattista Tiepolo e Paolo Veronese”, organizzata dai Civici Musei e Gallerie di Storia e Arte di Udine con la convinta adesione ed il sostegno della Fondazione Crup e in programma dal 17 novembre 2012 al 1° aprile 2013 nella Galleria d’Arte Antica di Udine, numerosi sono gli appuntamenti previsti nel 2012, con conclusione a marzo 2013, per esplorare ancora una volta attraverso la musica l’epoca in cui il Tiepolo è vissuto e attraverso il teatro le suggestioni che la sua opera continua a trasmettere.

«Siamo riusciti per questa manifestazione a fare rete con numerose istituzioni, enti e categorie produttive – ha commentato Luigi Reitani -, rendendo così Le Giornate del Tiepolo un’iniziativa profondamente radicata e partecipata dal territorio».

Paolo Veronese, Studio per le Nozze di Cana

MUSICA – Nel segno del barocco, bizzarro e visionario, nei “luoghi” udinesi del Tiepolo viene organizzato un ciclo di concerti con musiche preziose, per la direzione artistica di Flavia Brunetto. Il Comune di Udine, il Teatro Nuovo “Giovanni da Udine”, il Conservatorio di musica della città e l’Associazione Iduna, con la collaborazione del Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo e della Diocesi Metropolitana di Udine, danno vita a suggestive riproposte delle musiche del tempo di Giambattista Tiepolo. Nei palazzi e nei luoghi sacri che il grande artista ha affrescato durante i suoi soggiorni udinesi, in continui affascinanti rimandi tra le soluzioni delle arti figurative e quelle musicali, si potranno ascoltare le musiche dei più noti compositori del Settecento, quali Vivaldi, Händel e Benedetto Marcello insieme a quelle dei musicisti che ad Udine vissero ed operarono negli anni in cui i Tiepolo crearono i loro capolavori in città. Tra gli altri si ascolteranno l’udinese Giovanni Battista Tomadini, il palmarino Pietro Alessandro Pavona, Paolo Benedetto Bellinzani e Bartolomeo Cordans, che furono maestri di cappella del Duomo di Udine. In tutti i compositori presenti in questi concerti si ritroverà la grazia capricciosa e la leggerezza tiepolesca, l’immaginazione teatrale e la vitalità ritmica, il cimento dell’invenzione e la stravaganza (ed è a Vettor Dolfin, nipote di Dionisio committente del Tiepolo, che sono dedicati alcuni tra i più noti Concerti di Vivaldi). E’ un progetto culturale di ampio respiro che unisce all’eccellenza degli interpreti e alla bellezza dei luoghi e delle musiche, la ricerca e la valorizzazione di opere di raro ascolto.

TEATRO -Due gli appuntamenti in calendario con il teatro e la danza: il “De Anima” di Virgilio Sieni, interpreti tra i maggiori della danza contemporanea, che in questa rappresentazione, presentata in anteprima alla Biennale di Venezia del 2012, offre un travolgente spettacolo totale, che fonde suggestioni dell’arte figurativa – da Tiepolo a Picasso – a riflessioni sul corpo e il movimento della filosofia contemporanea. E ancora, sempre firmato da Virgilio Sieni, “Angelo che se ne va_ Udine – Viaggio in cinque stanze sul tema della trasmissione del gesto sulla figura dell’angelo attraverso l’opera del Tiepolo.

Paolo Veronese, Mosè salvato dalle acque

Il progetto “Angelo che se ne va” pensato per Udine nasce da un’idea e da un forte desiderio da tempo manifestato da Virgilio Sieni, ospite più volte a Udine della Stagione Teatro Contatto, di far tappa con la sua “Accademia sull’arte del gesto” nella città del Tiepolo. Al grande artista veneziano, Virgilio Sieni, coreografo, regista e danzatore fiorentino tra i più affermati della scena contemporanea europea, ha voluto dedicare una tappa del suo importante lavoro di ricerca intorno all’ “arte del gesto”.

Angelo che se ne va_Udine sarà creato in diverse fasi di studio tra febbraio e marzo 2013 e coinvolgerà 5 donne anziane, 5 giovani danzatrici e una coppia di anziani. L’audizione è in programma il 10 febbraio al Teatro S. Giorgio di Udine. Il percorso e le prove con Virgilio Sieni avranno luogo a marzo tra la Chiesa di San Francesco e il teatro di borgo Grazzano. Un viaggio in 5 stanze dove per stanza s’intende quel luogo ricercato che accoglie l’azione e lo sguardo di due persone. Un viaggio inteso come un percorso di pratiche e un riversarsi di gesti tra giovani e anziani sulla figura dell’angelo attraverso l’opera del Tiepolo. «Angeli anziani sorretti da giovani e giovani sorretti da angeli anziani – dichiara Sieni in merito alla sua visione del progetto per Udine – L’uno si sottomette al corpo dell’altro: ciclo di apparizioni a creare un continuum di avvicinamenti, incontri, sostegni e sguardi. Storie intime che emergono da gesti nascosti in una atmosfera sottovoce, costellata da azioni verso luoghi rivisitati». Un breve percorso che reinventa una geografia di paesaggi, luoghi  e visioni raccolti intorno al momento dell’incontro, dello sguardo, della partenza.

Tags Arte, Udine
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.