27 giugno 2012
Redazione (4055 articles)
Share

A LECCE TRENTA ARTISTI IDEANO LA CITTA’ DEL FUTURO

Pinuccio Sciola

Alcune tra le menti più brillanti d’Italia, terre e luoghi di confine tra i più affascinanti della nostra penisola, giovani menti creative provenienti da tutto il mondo: questi gli ingredienti di SPAZIO VITALE  – Young Artist Contest progetto che intende riprogettare la città come spazio della relazione dal 7 al 14 luglio nelle terre dell’Unione dei Comuni Terre di Acaya e di Roca a Lecce.

I piccoli comuni di Melendugno, Castrì e Vernole (Le) divengono così  incubatori di grande arte e cultura ospitando studiosi, architetti e artisti di fama internazionale del calibro dello scultore Pinuccio Sciola – autore delle famose pietre sonore che Renzo Piano ha voluto per la Città della Musica a Roma, l’architetto Edoardo Milesi – presidente del comitato culturale della Fondazione socio culturale Bertarelli, l’antropologo Francesco Sollai – promotore del movimento artistico della Cosmo-art, l’urbanista e autrice di numerosi saggi sull’argomento Grazia Gobbi Sica, il preside della Facoltà di architettura di Siracusa Carlo Truppi nonché organizzatore di numerosi convegni e seminari, con varie personalità del mondo della cultura tra cui James Hillman, Kengo Kuma, Wim Wenders, la giornalista Grazia Francescato – direttrice del mensile del WWF e  membro dell’Advisory Board di Telecom Italia come esperta di temi ambientali, il visual designer Armando Milani, il designer e docente di Design presso l′Accademia di Belle Arti di Firenze Edoardo Malagigi.

Gli studiosi terranno delle lectio magistralis gratuite aperte al pubblico il cui programma con dettagli su luoghi e orari è scaricabile dal sito youngartistcontest.com

Alle lectio, in quanto parte del programma della residenza artistica prevista dal progetto SPAZIO VITALE, parteciperanno trenta giovani artisti selezionati da diversi paesi e con la guida di questi grandi maestri vivranno e animeranno workshop progettuali, le stesse lectio magistralis, tavole rotonde, eventi, performance per dare così forma alla loro idea di città del futuro..

La Puglia è la prima regione italiana ad ospitare SPAZIO VITALE, progetto interregionale cofinanziato dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), nell’ambito di iniziative progettuali rivolte al supporto della “Creatività giovanile”, che proseguirà tra Toscana e Sardegna. Ogni polo ha individuato un tema intorno al quale sviluppare l’idea della Città del Futuro. L’Unione dei Comuni Terre di Acaya e di Roca lavorerà sulla Città dell’Espressione, a Cinigiano (Toscana) dal 23 al 29 luglio si studierà la Città dell’Ascolto ed infine a San Sperate (Sardegna) dal 3 al 9 settembre si cercherà la Città dell’Incontro. 

SPAZIO VITALE ripensa e riprogetta la città come spazio della relazione che privilegia la vita e la persona che lo vive, dove il nucleo fondante è la creatività umana e la qualità delle relazioni e dei tempi di vita. Ripartire dalla bellezza che sola può restituire un senso all’architettura, al paesaggio, alle città ed alla nostra stessa vita.

In particolare quello che si realizzerà nei comuni dell’unione Terre di Acaya e di Roca, La città dell’Espressione, è un laboratorio teatrale tra artisti, architetti e operatori dello spettacolo che insieme sperimentano come ogni espressione passi inevitabilmente dal corpo inteso come luogo di incontro. Pensare la città come spazio intimo dove la comunità si ritrova per incontrare l’altro e sé. I workshop residenziali vengono realizzati in spazi particolarmente suggestivi  nei tre comuni dell’Unione “Terre di Acaya e di Roca” come l’Area archeologica di Roca Vecchia sul mare, il Castello di Acaya e altre dimore storiche del comune di Castrì.

Una ricchezza nuova che arriva nelle comunità ospitanti che vedranno animato il proprio territorio, contaminato e trasformato dalla presenza e dal contributo di grandi maestri e dall’energia creativa di tanti giovani di culture diverse per tutta la durata del progetto e negli anni successivi.

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.