A BERLINO L’ARTISTA SIMONETTA FERRANTE

Simonetta Ferrante - Ph. Ufficio Stampa

Un nuovo omaggio al percorso artistico di Simonetta Ferrante (nella foto), dopo l’esposizione dello scorso anno all’Università Bocconi di Milano, questa volta all’estero: la galleria AquabitArt di Berlino, a partire dal prossimo 14 settembre 2012, propone un’esaustiva rassegna di lavori dell’artista milanese. “Segni oltre confine” è il titolo della mostra che è introdotta dall’Archivio di Calligrafia di Berlino e propone una selezione di oli su tela e acquerelli, tecniche miste e incisioni, calligrafie, collages e lavori tridimensionali su carta. Tutte queste opere documentano il lavoro degli ultimi venti anni di un’artista poliedrica che, intrecciando parole e inventando segni grafici di grande effetto plastico, ha saputo rendere il sentimento con lieve spiritualità.

Come ha scritto di lei Elena Pontiggia: «Le sue carte, le sue calligrafie colorate manifestano un’urgenza inquieta e concitata. La ‘tradizione’ a cui Simonetta Ferrante si riallaccia è quella dell’informale segnico. A questa lezione aggiunge una vena di dolcezza malinconica che contrasta con l’apparente aggressività dei percorsi lineari».

Il lavoro della Ferrante si distingue per una straordinaria continuità che le ha permesso di attraversare la seconda metà del Novecento fino a tutto il primo decennio dei 2000 passando dalla professione di progettista grafico alla pittura, dalla calligrafia alla sperimentazione artistica. Un percorso in cui si ritrovano costantemente forma, colore, segno scrittorio pur nella ricchezza di una produzione che conta artefatti di natura varia: dal monotipo al marchio, dal manifesto al libro d’artista, al packaging, alla pittura. La formazione DI Simonetta Ferrante è nel campo dell’arte e della musica. Studia a Londra dove frequenta la Central School for Art and Craft e nel 1958 consegue il Diploma di Graphic Design, Pittura e Disegno. Dal 1959 al 1984 ha un’attività lavorativa nel campo della grafica, dedicandosi solo saltuariamente alla pittura. E’ consulente di Aziende e di Case Editrici e dal 1971 contitolare di uno studio specializzato in immagine di prodotto, packaging, editoria. Dal 1975 partecipa ai corsi di Pittura e Disegno a Londra e nel Galles, sotto la guida di Dennis Creffield, John Epstein e Cecil Collins. Questa esperienza segna un svolta nella sua vicenda di artista. Mentre sviluppa il suo lavoro di pittrice, Simonetta Ferrante “inventa” un’attività di grande interesse umano e professionale. Decide infatti di creare dei corsi di espressione figurativa, aperti a tutti, che si basano sulla riscoperta della creatività di ciascuno. Elabora un suo metodo, che riunisce genialmente gli insegnamenti di vari maestri. Nel 1984 tiene il suo primo corso di disegno e pittura. In seguito questa attività diventa più ampia e coordinata, perché Simonetta Ferrante invita altri artisti a collaborare con lei e fonda il Centro dell’Immagine e dell’Espressione.

Conclusa questa esperienza, nel 1994 Simonetta Ferrante ritorna ai temi che l’affascinano: la forma, il segno, il colore e, insiemi di essi, la musica e la calligrafia. Le sue opere si trovano in importanti collezioni private e nell’Archivio di Calligrafia di Berlino.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI